Gentiloni: presto riapriremo l’ambasciata in Libia

 

L’Italia potrebbe riaprire presto l’ambasciata a Tripoli, rafforzando così il proprio sostegno al governo di unità nazionale (imposto dall’ONU) guidato da Fayez al Sarraj, perchè “contribuire a stabilizzare la Libia è una priorità nazionale, dalla sicurezza all’immigrazione”.

E’ quanto ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni in un’intervista al Corriere della Sera.”Presto l’Italia potrebbe riaprire la sua ambasciata a Tripoli, chiusa nel febbraio 2015. Il nostro governo ha nominato ambasciatore Giuseppe Perrone”, ha detto il ministro, rimarcando come “la riapertura dell’ambasciata, appena verificate le condizioni di sicurezza, sia il sigillo a un grande sforzo di cooperazione”.

Alla domanda su quali siano i mezzi usati oggi dal governo per favorire la stabilizzazione del Paese africano, Gentiloni ha risposto: “Sul piano militare stiamo fornendo alle operazioni antiterrorismo un sostegno logistico. Se ci saranno richieste di ulteriori attività di addestramento della guardia presidenziale e di sostegno alla guardia costiera le valuteremo. Sarraj ci ha fatto avere la lettera della quale avevamo parlato giorni fa, quando mi aveva chiesto una presenza della nostra Sanità militare”.

Riguardo ai bombardamenti condotti dagli Stati Uniti a Sirte a sostegno delle forze fedeli a Sarraj contro i jihadisti dello Stato islamico (Isis), il ministro ha confermato l’uso di basi presenti in Italia “da quando il ministro della Difesa ne ha informato il Parlamento”, sottolineando che “sono azioni mirate a una zona circoscritta di Sirte”.

Alla domanda se ci siano militari italiani in Libia, Gentiloni ha risposto: “Non abbiamo missioni militari in Libia. Se le avremo saranno autorizzate dal Parlamento”. (askanews)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -