Germania: turista derubato finisce per 12 giorni in un campo profughi

 

Firma il modulo sbagliato e da turista diventa un rifugiato. Un 31enne cittadino cinese è stato protagonista di una vicenda surreale in Germania. L’uomo, come si legge sul Guardian, voleva denunciare il furto del portafoglio nella città di Heidelberg. Invece di recarsi in una stazione di polizia, però, è entrato negli uffici comunali. Le difficoltà di comunicazione con i funzionari locali hanno fatto precipitare la situazione: il turista ha firmato un modulo per ottenere lo status di rifugiato e, a quel punto, si è visto ritirare il passaporto prima del trasferimento, con altri migranti, nel centro di accoglienza di Dulmen, al confine con i Paesi Bassi. Per 12 giorni è rimasto nella struttura, prima che il rebus venisse chiarito.

Il turista ha destato l’attenzione dei responsabili del centro perché, a differenza degli altri ospiti, indossava abiti decisamente migliori. “Per il resto, non si comportava in modo diverso rispetto agli altri. E’ rimasto intrappolato per 12 giorni nella nostra giungla burocratica”, ha spiegato Christoph Schlütermann, funzionario della Croce Rossa tedesca. “Cercava di spiegare la sua vicenda, ma nessuno lo capiva. Chiedeva di riavere il passaporto: tutto il contrario di ciò che fanno gli altri rifugiati”.

Alla fine, è stata provvidenziale la convocazione di un dipendente di un ristorante cinese, che si è trasformato in interprete per l’occasione. Lo sventurato turista è riuscito a spiegare che il suo obiettivo era semplicemente raggiungere la Francia e l’Italia. “E’ stato un momento straordinario per tutti noi”, ha detto Schlütermann. adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -