Sanità, esplode il caso della riabilitazione oncologica fuori dal SSN

 

Nuovi Lea. Esplode il caso della riabilitazione oncologica. Dopo l’appello dei pazienti la presa di posizione dell’Aiom: “Non bastano le terapie. Anche il post cancro va seguito dal Servizio sanitario”

“Ancora troppi oneri sono a carico delle famiglie che devono spesso provvedere a proprie spese all’assistenza al parente in difficoltà”. Il presidente Carmine Pinto si unisce così all’appello delle Associazioni di pazienti: “Chiediamo alle Istituzioni competenti di modificare il recente decreto affinché sia garantita un’adeguata assistenza a tutti gli italiani che hanno avuto una diagnosi di cancro”.

“La riabilitazione oncologica deve essere inserita nei livelli essenziali di assistenza (Lea)”. E’ quanto sostiene l’Associazione Italiana di Oncologia Medica (Aiom) che si unisce alle associazioni di pazienti (vedi la lettera pubblicata ieri del presidente della Favo) nel chiedere alle Istituzioni competenti di modificare il recente Decreto di aggiornamento dei Lea.

“Quasi il 5% della popolazione del nostro Paese vive con una diagnosi di cancro – sottolinea Carmine Pinto Presidente Nazionale Aiom -. Ben 2 milioni di cittadini possono dire di aver sconfitto la malattia. Sono numeri importanti che evidenziano la necessità di aggiornare la tipologia di assistenza che diamo ai pazienti oncologici. Non possiamo solo offrire a tutti le migliori terapie, dobbiamo garantire anche una buona qualità di vita durante e dopo le cure”.

“Ancora troppi oneri sono a carico delle famiglie che devono spesso provvedere a proprie spese all’assistenza al parente in difficoltà. Già lo scorso anno insieme alla Federazione Italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia (Favo) avevamo chiesto al Governo di riconoscere la riabilitazione oncologica nella sua specificità e non di includerla all’interno di altre tipologie riabilitative. Con rammarico constatiamo che la richiesta non è stata accolta. Il nostro auspicio – conclude Pinto – è che al più presto il decreto, recentemente approvato, venga modificato. Solo attraverso un reale aggiornamento dei LEA il servizio sanitario nazionale potrà aiutare concretamente gli oltre 3 milioni di italiani che hanno combattuto il cancro”, conclude Pinto.

QUOTIDIANO SANITA

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -