Paragonare i nostri emigrati con l’attuale immigrazione extracomunitaria è vergogoso

 

EMIGRAZIONE LUCCHESE NEL MONDO DI IERI ED IMMIGRAZIONE EXRACOMUNITARIA A LUCCA DI OGGI NON SONO LA STESSA COSA: LO DICE UN ANZIANO EMIGRATO LUCCHESE CHE VUOLE APRIRE UN DIBATTITO SUL TEMA.

italiani-emigranti

di Massimo Raffanti – - 10 gennaio 2010

“Vuole fare conoscere il suo pensiero a tutti e sarebbe disposto a recarsi al più presto alla trasmissione televisiva del “Costanzo Show” per dire la sua sull’ attuale immigrazione extracomunitaria in Italia; da emigrato lucchese, diventa quasi furente, se qualcuno osa paragonargli il fenomeno, all’emigrazione di tanti suoi concittadini all’estero.

Giovanni Lombardi, ottuagenario emigrato nel 1947 in Argentina e Sudafrica, rientrato a Lucca nel 1989, dopo una vita di sacrifici all’estero, va giù duro in proposito:
Affermare l’uguaglianza di queste due situazioni sociali è vergognoso; fino al mio rientro in Italia, sono stato socio della sezione sudafricana dei Lucchesi nel Mondo ed, essendo stato premiato nel 1988 dalla Camera di Commercio di Lucca, quale emigrante che ha onorato la sua città nel mondo, vorrei aprire un dibattito pubblico sul tema dell’immigrazione extracomunitaria odierna in Italia.

Gli emigranti lucchesi hanno portato ovunque sudore, onestà e dignità e mai è accaduto che sia stata esportata così tanta criminalità quale quella extracomunitaria oggi in Italia: basta leggere le statistiche della popolazione carceraria.
Impronte digitali? Ma certo-dice Lombardi-mentre esibisce il voluminoso carteggio necessario al suo espatrio; ricordo che già nel 1947, le autorità estere, mi richiesero foto ed impronte digitali sulla “Cedula di Identitad argentina” o sul “Registra-siesertifikaat” sudafricano.

Ogni italiano, per emigrare, necessitava quindi di un atto di chiamata lavorativa, ecco qui, legge: permesso di sbarco in Argentina n° 46235 del 15 ottobre 1947.
A quali immigrati extracomunitari si richiede oggi ciò che è stato chiesto a noi, che pure avevamo fame? Ecco qui un certificato di “Buona Condotta” che semestralmente dovevo esibire nel paese ospitante, rispettando usi molto diversi dai nostri e rigando dritto per non pagare col carcere duro o l’espulsione.

Questi documenti, datati 22 novembre 1947, dicono invece che “non sono persona dedita all’accattonaggio”, che ho il casellario penale pulito, che sono esente da qualsiasi malattia contagiosa e che ho una regolare posizione fiscale: adesso io chiedo: agli immigrati extracomunitari viene richiesto altrettanto nell’interesse della nostra Nazione? Ecco poi i certificati di vaccinazione che ho dovuto esibire all’estero: sa allora non avevamo certo i pranzi della Caritas, i contributi, i centri di accoglienza, le associazioni atte a ricercarci casa e lavoro per noi emigrati o gratuiti corsi di lingua. Capisce perché mi arrabbio”

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

3 Commenti per “Paragonare i nostri emigrati con l’attuale immigrazione extracomunitaria è vergogoso”

  1. Mauro Giovanni Luchetti

    Paragonare i nostri emigranti che andavano a trovare lavoro e non essere mantenuti come avviene oggi in Italia, scordandoci dei veri italiani, è un insulto all’intelligenza. La Boldrini, donna antitaliana a tutti gli effetti di legge, dice che oggi sono una manna che ci piove dal cielo tutti gli immigrati clandestini perchè saranno quelli che ci salveranno. Ma se noi li manteniamo a vita senza fare niente mi dica la Boldrini che cazzo di manna è questa?????? E’ una donna in completa malafede ed una sporca comunista che non è capace di dire la verità come ha sempre fatto il PCI-PDS-PD.

  2. si lei ha perfettamente ragione ma bisogna anche far notare che lei come i ns emigranti per poverta hanno sudato lavorato e anche molte volte umiliati ma a differenza di quell iche arrivano qua non portavano in dote 35 euro per il business del 2016 come farebbero a nascere e a ingrandirsi tutte queste associazioni meritevelodi accoglienza?

  3. LUCIA MENICANTI

    Confermo quanto detto da immigrata in Sud Africa nel 1956 è rientrata in Italia nel 1989.
    Il discorso sta nel fatto che questa invasione scellerata da NON RIFUGIATI ma bensì NULLA FACENTI AFRICANI…..È VOLUTA E FA PARTE DEL “”NUOVO ORDINE MONDIALE”" PER AFFONDARE L’EUROPA E MISCHIARE IL DNA DELL’EUROPEO IN QUANTO TROPPO INTELLIGENTE E POCO MANEGGEVOLE.
    MA VERGOGNATEVI SCHIFOSI “GESTORI” CHE INVECE DI FARE IL BENE DEL PAESE E DEI SUOI CITTADINI….CHE CON LE LORO TASSE VI MANTENGONO….LAVORATE SOLO PER LA DISTRUZIONE DI LORO E DEL LORO MERAVIGLIOSO PAESE.
    MA UNA GIUSTIZIA DIVINA DOVRÀ PURE ESISTERE!!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -