Scuola: presidi chiedono a docenti video di presentazione a figura intera

 

La scuola italiana sotto il Governo Renzi sembra trasformarsi in un gigantesco reality show.

scuola-renzi

Lo denuncia oggi il Codacons, criticando duramente la scelta di alcuni presidi che hanno chiesto ai docenti di inviare, oltre al proprio curriculum, un loro video a figura intera. Da pochi giorni sono partite le operazioni di assegnazione dei docenti alle scuole, attraverso il metodo della “chiamata diretta” – spiega l’associazione – Il docente invia il curriculum che sarà vagliato dal dirigente scolastico, il quale provvederà poi ai colloqui e all’assegnazione degli incarichi.

Alcuni presidi, tuttavia, hanno forzato la mano, chiedendo ai candidati di inviare il curriculum accompagnato da un video di presentazione dove i docenti devono mostrarsi a figura intera. Secondo quanto riportato da alcuni siti specializzati, i protagonisti della vicenda sarebbero l’Istituto Comprensivo Pier Cironi di Prato e l’Istituto Comprensivo Statale “A. Frank – Carradori di Pistoia.

“Ci manca solo che i presidi chiedano ai docenti di ballare e cantare, e poi ci troveremmo di fronte ad un qualsiasi provino per il “Grande Fratello” – afferma il presidente Codacons, Carlo Rienzi – Si tratta di una richiesta inaccettabile, che trasforma la scuola in un mega-reality show, e contro la quale chiediamo al Ministero dell’istruzione di intervenire con urgenza, per bloccare eccessi che mortificano gli insegnanti senza nulla apportare al miglioramento dell’istruzione”. L’esame del corpo degli insegnanti potrebbe inoltre creare disparità di trattamento, con docenti di sesso femminile e di bell’aspetto preferite a colleghi uomini o magari ad insegnanti in carne o meno avvenenti – aggiunge il Codacons – Per questo stiamo valutando eventuali azioni legali da intraprendere contro al richiesta di video ai docenti. (Codacons)

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

2 Commenti per “Scuola: presidi chiedono a docenti video di presentazione a figura intera”

  1. Aggiungo alle giuste osservazioni del Codacons un’altra possibilità edi discriminazione: richiedere il video serve probabilmente ai presidi per sentire come parla e si esprime il docente. Inutile dire che un accento meridionale o una cadenza fortemente connotata riuscirebbe sgradita in alcune regioni e avrebbe un peso nella scelta che va al di là dei titoli e del curriculum competenze.

  2. Roberto Curione

    Niente di nuovo. Fino a qualche anno fa tutti gli insegnanti per avere accesso alla cattedra, esclusa quella universitaria, dovevano sottoporsi presso una struttura pubblica ad un esame in cui veniva valutata la compatibilità, anche estetica con l’ insegnamento. Norma poi abolita, ma evidentemente alcuni presidi non sono informati. D’ altra parte sino a fine del secolo scorso non potevano accedere al sacerdozio coloro che potevano creare imbarazzo nella gente. Divieto soppresso da Giovanni Paolo ĺĺ° ma come si può ben capire facilmente aggirabile.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -