No border: “non c’entriamo, il poliziotto è morto per cause naturali”

 

NO_BORDER_ventimigliaVENTIMIGLIA (IMPERIA), 7 AGO – “Non c’entriamo nulla con la morte dell’agente di polizia, avvenuta per cause naturali mentre i suoi colleghi ci inseguivano e picchiavano”. Lo hanno affermato in un incontro con i giornalisti a Ventimiglia alcuni No border, annunciando di avere annullato la manifestazione prevista per oggi pomeriggio. “Non vogliamo cadere in trappola, per questo abbiamo annullato la manifestazione a favore di un presidio fisso a difesa delle ‘persone in viaggio’ che sono recluse nel centro di Ventimiglia”. ansa

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

1 Commento per “No border: “non c’entriamo, il poliziotto è morto per cause naturali””

  1. Roberto Curione

    Ma perché non vanno a protestare in Francia dove li prendono a bastonate ? In fondo è Hollande che non vuole i c.d. profughi. Tutte le manifestazioni, a norma costituzionale devono essere pacifiche e senza armi. Nessun “favore” per la morte del poliziotto. I nostri politici per pavidità verso i compagni PCI Cgil e per delega dei padroni del vapore, hanno da sempre acconsentito a violenze di ogni genere sin dal 1948. Facendo delle forze dell’ ordine carne da macello, anzichè agire responsabilmente per evitare gli scontri.

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -