Iran: scienziato nucleare giustiziato per tradimento

 

IRAN-Shahram-AmiriLo scienziato nucleare iraniano Shahram Amiri è stato giustiziato. Lo ha riferito la madre dell’uomo alla Bbc, spiegando di aver riavuto il corpo di suo figlio con segni di corda attorno al collo.

La storia di Amiri, nato nel 1977, è uno dei tanti ‘misteri’ che circondano esperti nucleari dell’Iran, paese che un anno fa ha raggiunto un accordo con la comunità internazionale sul proprio programma nucleare.

Lo scienziato, che si occupava di radio- isotopi in campo medico presso l’univesità Malek Ashtar, scomparve nel giugno 2009 in Arabia Saudita, durante un pellegrinaggio alla Mecca, e riapparve 13 mesi dopo nella sezione di interessi iraniana a Washington.

Al suo rientro a Teheran fu accolto da autorità e familiari. Amiri denunciò di essere stato rapito dalla Cia che lo aveva sottoposto a “intense pressioni psicologiche per fargli rivelare informazioni sensibili” e di essere riuscito a scappare. Gli Stati Uniti hanno invece sempre sostenuto che si era trattenuto nel Paese di sua volontà.
Nel 2011 fu arrestato e processato per tradimento. Da allora fu detenuto in una località segreta. (con fonte ANSA)

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -