La moschea di Genova mandava soldi all’Isis. Indagato l’imam

 

ISIS-IMAM-GENOVAEnes Bledar Brestha, l’imam albanese di 33 anni, è il capo spirituale della sala di preghiera di piazza Durazzo a Genova. L’uomo in questo momento è indagato per associazione a delinquere finalizzata al terrorismo nell’ambito dell’indagine che ha portato all’arresto di Mahmoud Jrad, siriano, 23 anni, al centro di un processo di radicalizzazione jihadista proprio in Liguria. Ma nelle indagini a carico di Brestha emergono particolari che per gli inquirenti sono abbastanza inquietanti.

Di fatto l’imam sarebbe stato seguito dalla Digos nei suoi spostamenti. L’uomo più volte si sarebbe recato in alcuni punti Western Union, per spedire denaro “ad alcune cellule terroristiche islamiche in Albania o in Kosovo”, spiega laStampa. Brestha inviava somme di denaro soprattutto ad alcune persone già attenzionate dagli investigatori. Nomi albanesi e kosovari ben noti agli inquirenti, tutti vicini al radicalismo islamico legato all’Isis.

“Più di 15mila euro in due mesi che sono partiti da Genova per finanziare – scrive la Procura – cellule terroristiche”. Soldi, questi, diretti verso un territorio caldo come quello dei Balcani dove da diversi anni si nascondono diverse cellule jihadiste.

Il punto più importante dell’inchiesta riguarda proprio il flusso di questi soldi. il pm vuole capire come l’imam se li sia procurati dato che risulta disoccupato. Il centro di preghiera che dirige in piazza Durazzo riceve sovvenzioni private o di fondi inviati da Paesi di fede islamica. Il dubbio è che questi soldi siano stati poi girati alle cellule terroristiche. Inoltre, sempre per gli inquirenti, l’imam è considerato il vertice di una cellula filo jihadista che aveva il compito di reclutare sul territorio possibili combattenti da inviare in Siria. tutti elementi che di fatto aggravano la posizione di Brestha che adesso dovrà spiegare ai giudici tutti i suoi movimenti e soprattutto quelle donazioni di denaro sospette verso l’estero.  IL GIORNALE

RIDICOLO Merola: la religione musulmana non c’entra niente col terrorismo

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -