L’America non combatte il terrorismo ma lo alimenta. I numeri lo dimostrano

 

obama-clinton

Dal 2011 ad oggi, da quando la premiata ditta Obama/Hillary Clinton ha iniziato la propria guerra al terrorismo globale, il terrorismo globale è esploso in tutto il mondo. I numeri parlano chiaro.
La politica dell’Occidente, dalla Primavera Araba in poi, ha generato più terrorismo, più attentati e più morti in tutte le aree del pianeta in cui Usa ed Europa sono intervenuti direttamente o per procura.

In assenza di una ricerca complessiva sul terrorismo globale, il Center for Strategic & International Studies (CSIS), ha pubblicato una raccolta di dati e grafici disaggregati, provenienti da diversi Centri di ricerca, Ong e studi isolati; 181 pagine fitte di informazioni e numeri sulle aree coinvolte, sulle organizzazioni più violente, sulle tipologie di attentati, e sugli obiettivi preferiti.

LA GUERRA AL TERRORISMO PRODUCE TERRORISMO
Schermata 2016-07-31 alle 15.51.40Complessivamente, se si osserva il solo anno 2015 assistiamo ad una leggera contrazione del numero di azioni terroristiche nel mondo rispetto all’anno precedente.
Ma se si guarda un arco temporale più ampio, per esempio da dopo l’11 Settembre quando è iniziata la guerra al terrore globale da parte degli Usa, il risultato è impressionante: il trend degli atti terroristici è in vertiginoso aumento.

La data d’inizio dell’escalation è il 2003, anno dell’invasione Usa in Iraq per cercare le armi chimiche di Saddam e per sconfiggere il terrorismo, appunto.

Ma la vera svolta è nel 2011 (anno della guerra in Libia voluta dalla Clinton, dello scoppio della guerra civile in Siria alimentata dagli Usa e dell’inizio della formazione dell’Isis sotto l’occhio benevolo della Cia e dei suoi alleati) quando il terrorismo è esploso toccando nel 2014 la cifra di oltre 16.000 attentati nel mondo (quasi tutti di matrice islamista).

DOVE CRESCE IL TERRORISMO?
cartinaLe aree geografiche principali interessate rimangono le stesse: Medio Oriente e Sud Est Asiatico (anche se con devastanti aumenti del numero di attentati); ma dal 2012 al 2015 i focolai di terrorismo si sono allargati a zone prima limitate o esenti (Nord Africa, Europa).

Una menzione a parte merita l’Ucraina: qui, da quando gli Usa hanno esportato il loro governo colorato, la conseguente guerra civile ha fatto sorgere un terrorismo sconosciuto fino a quel momento.

 

STATE DEPTra i primi 10 paesi per numero di attentati terroristici nel 2015, sette sono interessati da interventi militari diretti o ingerenze politiche Usa : Iraq, Afghanistan, Pakistan, Egitto, Filippine, Libia e Siria (la tabella è redatta dal Dipartimento di Stato americano).

Se si considera il numero di vittime causate dagli attentati, i paesi più colpiti sono Iraq, Afghanistan, Nigeria e Siria (qui l’infografica del Washington Post)

Il 52% degli attentati nel mondo utilizza la tattica degli esplosivi (autobombe, kamikaze ecc), il 23% assalti armati, solo l’8% gli assassini mirati. Ne deriva che quasi il 40% delle vittime degli attentati nel 2015 sono state persone comuni; circa il 25% militari o poliziotti e solo il 20% esponenti della politica o dell’economia.

IL DATO PIÙ SCONVOLGENTE
MO NORD AFRICAMa il dato più sconvolgente è ricavabile da START, il database del National Consortium for the Study of Terrorism dell’Università del Maryland: in Medio Oriente e Nord Africa, dal 1970 ad oggi sono stati conteggiati più di 40.000 attentati terroristici; di questi, la metà (21.490) sono avvenuti dal 2011 al 2015.

In altre parole, la politica estera Usa del premio Nobel per la Pace, in Medio Oriente, ha prodotto, negli ultimi 5 anni, più terrorismo di quanto ce ne sia stato nei 40 anni precedenti.

CONCLUSIONI EFFIMERE
Il terrorismo è parte integrante della guerra globale. Diritto e codici d’onore (tipici del mondo militare) non hanno più valore e gli attentati indiscriminati contro obiettivi civili e tecniche di combattimento non convenzionali diventano strumento naturale di lotta e spesso trovano legittimazione ideologica e religiosa.

Ogni volta che l’America destabilizza un paese non combatte il terrorismo ma lo alimenta. È avvenuto in Iraq, in Afghanistan, in Libia, in Egitto, in Siria… in Ucraina.

Insomma la politica estera americana degli ultimi anni è il principale combustibile del terrorismo globale. 

Alla recente Convention democratica per le presidenziali, il presidente Obama ha dichiarato: “Hillary continuerà il mio lavoro”; ecco, semmai ci fosse qualche dubbio su cosa significherebbe la Clinton presidente degli Stati Uniti per il Medio Oriente, per l’Europa e per il mondo.

Giampaolo Rossi – - il giornale.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -