Piacenza, spaccio cocaina: sgominate due bande di nord-africani

 

droga-John-Buttifant-Sewel

La Polizia di Stato di Piacenza ha condotto un’operazione finalizzata a contrastare due bande di spacciatori nord-africani operanti nel centro di Piacenza e nelle zone di campagna limitrofe, dedite, in particolare, al commercio di sostanza stupefacente del tipo cocaina. Si tratta di ventuno indagati, dieci misure cautelari e numerosi arresti eseguiti oltre a centinaia le segnalazioni amministrative in corso d’invio in Prefettura, attuate nell’ambito di un’attività d’investigazione della Sezione Antidroga iniziata a novembre 2015 e terminata ad aprile 2016.

Il primo gruppo, particolarmente strutturato ed organizzato, aveva a capo un cittadino marocchino conosciuto con il soprannome “Melik” (“il re della coca”), attualmente latitante all’estero. La sua squadra era solita smerciare lo stupefacente in zone campestri che si estendono dai comuni di Mortizza (PC), a Campremoldo (PC), da Corno Giovine (LO) a Zanengo (CR).

Parallelamente al primo gruppo di spacciatori, è emerso un altro gruppo di persone attive nel commercio della coca proprio all’interno della città di Piacenza, nei pressi della stazione, dei giardini pubblici, all’esterno dei bar, degli internet point, dei centri commerciali che forniva persino un servizio a domicilio o attraverso la consegna itinerante in auto.I clienti erano di varia estrazione sociale e provenivano da diverse città è stato persino fermato un padre di famiglia che si recava a prelevare la coca con l’inconsapevole figlio minore accanto.

Più di 135 mila intercettazioni, oltre 30 utenze monitorate, circa 140 persone sentite a sommarie informazioni, varie telecamere nascoste e svariate attività di appostamento, hanno permesso di far emergere un mondo nascosto da quasi 10 anni che, a Piacenza e nelle sue zone limitrofe, ha visto l’ascesa di un nuovo “re” (“Melik”) e la nascita di un nutrito popolo di oltre 300 “schiavi” della “polvere bianca”, con un giro di affari ammontante a circa 5000 euro al giorno, provento di 50/60 occasioni di spaccio quotidiane che avvenivano quotidianamente dalle 11 del mattino fino a tarda sera. askanews

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

1 Commento per “Piacenza, spaccio cocaina: sgominate due bande di nord-africani”

  1. Questo Melik come entrato in Italia? che tipo di passaporto aveva? quale sarebbe il suo vero nome e cognome? ma quanto ci costa a noi cittadini onesti tutti i danni causati da questi Clandestini che delinquono? quanto ci costano per le spese delle Forze Dell’Ordine tra intercettazioni, telecamere, leggo che si tratta di ventuno indagati, dieci misure cautelari e numerosi arresti eseguiti oltre a centinaia le segnalazioni amministrative in corso d’invio in Prefettura, attuate nell’ambito di un’attività d’investigazione della Sezione Antidroga iniziata a novembre 2015 e terminata ad aprile 2016. ma i Politici si rendono conto di cosa sta accadendo?

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -