Mattarella: i terroristi vogliono provocare un conflitto tra cristiani e musulmani

 

mattarella-isis

“Noi non possiamo e non dobbiamo stravolgere i principi della nostra civiltà e della nostra storia. Inoltre non servirebbe. Quello che occorre è un’efficace azione anticipatrice, di prevenzione, di intelligence, di vigilanza e polizia, perfettamente compatibile con le libertà superando vecchie abitudini che ostacolano la condivisione di informazioni e la cooperazione operativa”.

Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella al Tg1, parlando delle strategie contro il terrorismo.

“Ci troviamo di fronte – ha proseguito il capo dello Stato – a un terrorismo che cinicamente cerca di usare religione nella speranza di provocare un conflitto globale tra cristiani e musulmani per avere una platea sterminata di reclutamento. Ma questo non avverrà, perché non possiamo e non asseconderemo il loro piano”

Merkel: “i jihadisti vogliono mettere in crisi la nostra posizione sull’accoglienza”

Dunque, per il capo dello Stato, “l’ansia e la paura vanno comprese”, ma “l’allarme richiede una risposta seria da parte dello Stato che deve riaffermare l’impegno a garantire la sicurezza dei cittadini”. In questo senso, per il capo dello Stato “è molto significativa” l’iniziativa della comunità islamica francese islamica raccolta anche in Italia affinchè i loro fedeli partecipino alle celebrazioni domenicali cristiane in segno di solidarietà. (askanews)

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppure fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -