Meningite a Milano, muore studentessa di 24 anni

 

E’ morta a 24 anni, stroncata dalla meningite in poche ore. Alessandra Covezzi era una studentessa universitaria, frequentava alla Statale di Milano un master in Industrial Chemistry. Ed era proprio a Milano quando si è sentita male, nella mattinata di martedì 26 luglio. In serata la sepsi fulminante, causata da una meningite da meningococco C (batterio contro il quale esiste un vaccino), non le ha lasciato scampo. La sera stessa la ragazza è morta all’ospedale Fatebenefratelli dove l’ambulanza l’aveva trasportata d’urgenza. In Pronto soccorso è arrivata alle 20 del 26 luglio in codice rosso. Le sue condizioni erano già gravissime e dopo un paio d’ore, alle 23, è morta.

Immediata è scattata anche l’indagine epidemiologica, la ricerca dei suoi contatti più stretti, amici e colleghi di università, familiari e tutte le persone che sono entrate in contatto con lei nei dieci giorni precedenti (periodo di incubazione del batterio). Gli infettivologi dell’Ats della Città metropolitana di Milano sono stati allertati “nella tarda serata” di martedì, spiega all’AdnKronos Salute Giorgio Ciconali, direttore del Servizio di igiene e sanità pubblica dell’agenzia milanese di tutela della salute.

Una sessantina di persone sono ora sotto profilassi. Compresa l’équipe dell’ambulanza che ha trasportato la ragazza in ospedale. La profilassi in questi casi prevede una breve terapia antibiotica di 3 giorni. “In poco tempo abbiamo identificato i contatti della studentessa. Alcuni non erano a Milano e sono stati contattati da altre Asl”. Nei giorni scorsi, infatti, Alessandra era tornata a casa a Ferrara.

Quando si è sentita male, martedì mattina a Milano, la studentessa accusava febbre, malessere generale, mal di testa. In serata la corsa in ambulanza. I genitori che lei stessa aveva avvertito l’hanno raggiunta in tutta fretta nel capoluogo lombardo, ma quando sono arrivati stava già malissimo. “E’ successo tutto nel giro di pochissime ore”, spiega Ciconali. “Al momento non sono stati registrati altri casi, ma devono passare dieci giorni (dal 26 luglio) per essere certi che non ce ne siano più. Tutto quello che si doveva fare è stato fatto. E in questo caso le ricerche dei contatti sono state più mirate. La ragazza non ha frequentato locali e stavolta non sono serviti appelli generalizzati” anche sui social “come in altri casi recenti”. ADNKRONOS

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -