Venezia: espulso marocchino che danneggiò il crocifisso del ’700

 

crocifisso

VENEZIA, 28 LUG – Uno dei due marocchini rimpatriati per motivi di sicurezza, era stato denunciato il 12 luglio scorso dopo che aveva gettato a terra un crocifisso ligneo del ’700, causando la rottura di un braccio, nella chiesa di San Geremia, a Venezia, dove sono custodite le spoglie di Santa Lucia. Venezia: musulmano spacca un crocifisso del 700 nella chiesa di San Geremia

Lo straniero, risultato senza fissa dimora, che aveva poi detto di essere musulmano, era entrato nella chiesa e aveva oltrepassato il recinto di corda dove si trovava il crocefisso, alto alcuni metri. Quindi aveva cercato di toglierlo dal contenitore sostenendo, con frasi sconnesse e senza fare pare alcun riferimento di carattere religioso, che c’era qualcosa che non andava nell’opera, che c’era qualcosa di sbagliato. A nulla era valso l’intervento del sacrestano che aveva tentato di difendere il Cristo ligneo. Il giovane era stato immobilizzato da alcuni turisti inglesi che l’avevano trattenuto fino all’arrivo dei carabinieri. ansa

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

1 Commento per “Venezia: espulso marocchino che danneggiò il crocifisso del ’700”

  1. purtroppo dei fatti criminali che si legge : E’ un ago nel pagliaio . Sicuramente come tanti altri lo ritroviamo in Italia con altro crimine.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -