Francia, proposto blackout dell’informazione: non pubblicare nomi e foto dei terroristi

 

La scusa data in pasto agli ingenui è quella di evitare “glorificazione postuma” (la stessa usata da Obama quando disse di aver gettato in mare il corpo di Osama). In realtà si cerca di nascondere che nomi e volti siano arabi, malgrado la cittadinanza. Diranno “terrorista francese”. Nasconderanno il nome “Muhammad”

rouen-isis

Diversi organi di informazione francesi hanno detto che non pubblicheranno piu’ fotografie di persone responsabili di attacchi terroristici. La banale giustificazione – la stessa usata da Obama quando fu gettato in mare il corpo di Osama -  sarebbe quella di evitare “glorificazione postuma”.

Dopo l’omicidio di un anziano sacerdote in una chiesa vicino a Rouen da parte di due terroristi islamici, Le Monde ha pubblicato un editoriale dal titolo “Resistere alla strategia di odio”, in cui sostiene che tutti gli elementi della società devono essere coinvolti nella lotta contro il terrorismo e che i media hanno un ruolo particolare: quello di nascondere parte delle notizie.

Da quando Isis è nato, Le Monde ha cambiato le sue pratiche più volte “, ha detto il giornale.

Prima ha scelto di non pubblicare le immagini da documenti di propaganda Isis. Poi, dopo l’attacco a Nizza il 14 luglio, quando un camion è stato lanciato sulla folla durante la festa per la presa della Bastiglia, Le Monde ha detto di aver deciso di “non pubblicare più fotografie degli autori di omicidi, per evitare l’effetto potenziale di glorificazione postuma “.

La scusa sarebbe ridicola se non fosse tragica. Da quandoi jihadisti hanno bisogno dei media per glorificare i loro assassini? Chi pensa questo è un incompetente, ammesso che sia un buona fede.

La stazione televisiva BFM-TV e il giornale cattolico La Croix hanno dichiarato di aver scelto la stessa linea di condotta. “Ieri sera abbiamo preso la decisione di non mostrare più immagini dei terroristi fino a nuovo avviso”, ha detto il direttore editoriale di BFM-TV,Hervé Beroud,  ad Agence France-Presse. “Abbiamo pensato a questo per un certo tempo. La nostra decisione è stata accelerata dalla strage di Nizza, dalle ripetute tragedie. ”

Anche Radio Europe 1 ha detto che non avrebbe diffuso fotografie di attentati terroristici sul suo sito web e non avrebbe trasmesso i loro nomi. Stessa scelta è stata fatta dal canale televisivo France 24.

Michel Field, direttore della Tv statale France Télévisions, ha invece dichiarato: “Il nostro dovere è quello di informare e il diritto dei cittadini è quello di essere informati. Dobbiamo resistere a questa corsa verso l’auto-censura e grandi dichiarazioni di intenti ” perché la decisione di nascondere i nomi e le immagini di terroristi, potrebbe accrescere l’ansia del pubblico e la sensazione di essere stati tenuti all’oscuro dai media mainstream, aggiungendo che tale censura è ridicola nell’era dei social media.

Johan Hufnagel, il direttore del quotidiano Libération, ha detto che avrebbe preso decisioni caso per caso. “Ogni storia è diversa, ogni attacco terroristico è diverso e ci regoleremo di volta in volta”

Le Figaro e Nouvel Observateur hanno scelto, per il momento, di non seguire l’esempio di Le Monde. I media britannici – incluso il Guardian – continueranno a pubblicare le fotografie dei terroristi.

Dopo la strage di Nizza, lo psicanalista Fethi Benslama, che insegna a Parigi alla Diderot University, ha suggerito alla radio francese: “Forse è ora che i media di non pubblichino più i nomi e le immagini degli autori di questi atti, in quanto è davvero un grande impulso ai loro sforzi per farsi una fama mondiale, mentre le loro vittime sono anonimi e rimarranno anonimi “.

In realtà sembrerebbe che si tratti unicamente di nascondere che i nomi e i volti dei terroristi siano arabi.

(con fonte  Guardian)

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -