Fallito golpe in Tuchia: 16.000 arresti, 51.000 licenziamenti

 

Almeno 16.000 arresti e 50.000 licenziamenti: questo il risultato delle purghe su vasta scala dell’esercito e delle istituzioni civili lanciate dalla Turchia dopo il fallito golpe di metà luglio volto a rovesciare il presidente Recep Tayyip Erdogan.

Secondo il ministro dell’Interno Efkan Ala, in totale 15.846 persone sono state arrestate fra cui 10.901 soldati, 2.901 poliziotti e 2,.67 magistrati. Sempre secondo Ala, 8.133 dei quasi 16.000 cittadini turchi arrestati si trovano attualmente in carcere fra questi 5.266 soldati, 1.684 magistrati e 1.019 poliziotti. In 3.000 sarebbero stati già rilasciati, secondo un ufficiale turco, anche se su questo numero non ci sono conferme.

Secondo l’agenzia progovernativa Anadolu, 51.322 persone sono state licenziate dalle istituzioni pubbliche. La maggior parte provengono dal settore dell’educazione (42.767 persone) fra insegnanti e personale amministrativo. (con fonte Afp)

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -