Saipem Algeria, rinviati a giudizio Scaroni, Eni e Saipem

 

eni2

Il gup del tribunale di Milano Manuela Scudieri ha rinviato a giudizio per corruzione internazionale l’ex AD di Eni Paolo Scaroni, l’ex responsabile per il Nord Africa del gruppo Antonio Vella, oltre alle due società Eni e Saipem nell’ambito della legge 231 sulla responsabilità penale delle persone giuridiche.

Il 5 dicembre, hanno riferito fonti legali, inizierà il processo davanti alla quarta sezione penale.

Tutti gli imputati hanno sempre respinto le accuse.

“Siamo certi della nostra innocenza e siamo convinti che anche il Tribunale lo riconoscerà come già aveva fatto il gup nella prima udienza preliminare”, ha commentato oggi l’avvocato di Scaroni Enrico de Castiglione.

Eni ha ribadito la sua estraneità a condotte illecite e confida che ciò sarà accertato nel procedimento giudiziario, mentre Saipem si è detta fiduciosa di poter dimostrare che la società non ha responsabilità amministrativa nella vicenda.

A chiedere il rinvio a giudizio sono stati i pm di Milano Fabio De Pasquale e Isidoro Palma.

Al centro della vicenda c’è l’acquisizione da parte di Saipem di sette contratti d’appalto in Algeria del complessivo valore di 8 miliardi di euro, per i quali l’accusa sostiene siano stati pagati 198 milioni di euro di tangenti.

Il ‘grosso’ del procedimento è da tempo nella fase dibattimentale al Tribunale di Milano dopo il rinvio a giudizio nell’ottobre 2015 di Saipem e altre cinque persone fra le quali l’ex presidente Pietro Franco Tali.

In quella occasione il gup Alessandra Clemente aveva prosciolto Scaroni, Vella ed Eni, ma il 24 febbraio scorso la Corte di Cassazione annullò quella decisione, rinviando gli atti a Milano perché fossero sottoposti a un nuovo giudice in una nuova udienza preliminare. (REUTERS)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -