Terrorismo, “la causa è l’islam radicale, non la depressione”

 

Il Vicesegretario ed eurodeputato della Lega Nord: “Nonostante attentati, morti e terrore, in Occidente molti opinion maker e determinate aree politiche minimizzano e non vogliono chiamare le cose con il loro nome“.

moschea3

Bruxelles 25 luglio 2016 – Il Vicesegretario della Lega Nord ed europarlamentare della Lega Nord Lorenzo Fontana torna a parlare di terrorismo: “Molti in Occidente ancora non vogliono capire, o fingono di non capire. Tanti opinion maker e determinate aree politiche parlano di depressione degli attentatori come causa degli attentati. Ma la causa principale non è lo stato psicologico di chi spara o si fa esplodere, ma l’estremismo islamico, che miete consensi e attrae sempre più immigrati, siano essi di prima, seconda o terza generazione, siano essi profughi o presunti tali, residenti o addirittura cittadini. La soluzione? Nel breve, anzi immediato periodo occorrono controlli più stringenti nei confronti di quelle persone che possono destare anche il minimo sospetto, sulle loro attività e sui loro luoghi di ritrovo; nel medio e lungo periodo bisogna ridefinire radicalmente il modello di integrazione che si vuole, dacché quello lascivo di questi decenni si è rivelato fallimentare”.

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -