Germania, prosegue la politica suicida: “profughi” nell’esercito

 

Berlino prosegue nella politica suicida delle porte aperte e dell’integrazione dei sedicenti profughi. In una intervista alla Frankfurter Allgemeine am Sonntag, il ministro della Difesa, Ursula von der Leyen, ha comunicato che intende reclutare rifugiati nelle Forze armate della Repubblica federale.

Il ministro ha parlato di un “progetto pilota con un centinaio di rifugiati richiamati a svolgere compiti civili come costruzioni, genio, ingegneria, corpo sanitario e logistica. L’idea balzana è che così, quando e se avessero voglia di tornare in Siria, potranno aiutare la ricostruzione del Paese, ma anche contribuire all’addestramento delle forze armate locali”.

Ovviamente l’annuncio ha fatto scattare resistenze e polemiche anche all’interno della stessa maggioranza di governo. (con fonte IL FATTO)

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

4 Commenti per “Germania, prosegue la politica suicida: “profughi” nell’esercito”

  1. Follia nella follia!

  2. In Siria ci sono le forze armate,c’e’ un governo regolarmente eletto,ci sono ospedali,scuole,universita’,aziende e ci sono stati della nato che bombardano la Siria e finanziano il terrorismo.Quindi sarebbe ora che i politici,i giornali ecc. la smettessero di delirare sull’accoglienza e si pretendesse con fermezza la fine delle guerre cosi’ la gente vivrebbe in pace a casa propria.

  3. Ma che ca22o si è fatto una canna, il ministro della difesa?

  4. in germania si accorgeranno tra qualche anno cosa hanno fatto accogliendo tutti i migranti ,profughi e chi piu’ ne piu ne metta. Non hanno ancora capito che l’integrazione con cultura e tradizione europea non e compatibile con chi arriva da africa o paesi mussulmani.Gli possono dare anche il passaporto europeo ma rimarranno sempre siriani, turchi ,eritrei ecc…ecc… con le loro tradizioni, e anche i figli dei figli rimarranno sempre legati alla tradizione dei loro bisnonni, e l’integrazione a questo punto va a put….ne. Gli diamo case scuole, soldi ,senza fare una beata mazza ,dove trovano un posto migliore per vivere,anzi riescono anche farsi le vacanze nel loro paese con i soldi che i vari stati europei gli passano ogni mese .(e mi riferisco sopratutto agli eritrei) visto che conosco molto bene questa realta’ vivendo in eritrea.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -