Strage Nizza, capo videosorveglianza: pressioni dal Governo per mentire

 

PARIGI, 24 LUG – Sono accuse pesanti, una nuova imbarazzante tegola per il governo francese dopo la strage del 14 luglio. Intervistata dal Journal du Dumanche, in edicola oggi, Sandra Bertin, il capo del centro di supervisione urbana (Csu) di Nizza, dice che all’indomani della strage è stata tenuta “per un’ora al telefono” da un funzionario del ministero dell’Interno che le ha commissionato un rapporto sul dispositivo di sicurezza sulla Promenade des Anglais chiedendole di indicare la presenza della Police Nationale “che però io non vedevo sullo schermo”. ansa

il killer di Nizza nel camion, selfie con un tunisino residente a Gravina di Puglia

il killer di Nizza nel camion, selfie con un tunisino residente a Gravina di Puglia



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -