“Noi non paghiamo”, marocchini gratis in prima classe sul Frecciabianca

 

frecciabiancaPESCARA – Pretendevano di viaggiare gratis, per giunta in prima classe e, alla richiesta del capotreno, di fornire biglietto e generalità, hanno iniziato ad inveire contro di lui. Giunti alla stazione di Pescara, sono stati bloccati dal personale della Polfer, guidato da Davide Zaccone, e denunciati. Nei guai, due 30enni marocchini, residenti nel pescarese, di professione commercianti di auto con il loro paese.

Senza acquistare i biglietti, i due sono saliti a Termoli su un Frecciabianca diretto a Pescara e si sono sistemati tranquillamente in prima classe. All’arrivo del capotreno e alla richiesta di mostrare il biglietto, con strafottenza, hanno fatto presente con che non solo non l’avevano, ma che non erano neppure intenzionati ad acquistarlo in quanto non ritenevano giusto pagare la sovrattassa. In tasca, si è poi scoperto avevano diverse centinaia di euro, almeno 300 euro a testa.

Arrivati alla stazione di Vasto, il capotreno li ha pertanto invitati a scendere, ma loro hanno continuato a sbraitare e inveire. Sono stati, quindi, segnalati alla polizia ferroviaria e giunti a Pescara sono stati bloccati. Al personale della Polfer hanno sottolineato che non ritenevano giusto pagare la sovrattassa per il biglietto e che non sapevano che il capotreno è un pubblico ufficiale. messaggero



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -