Caso Regeni, il Cairo conferma “no” a richieste degli inquirenti italiani

 

regeniLa commissione parlamentare trilaterale egiziana formata per seguire il caso di Giulio Regeni ha confermato il rifiuto di condividere con gli inquirenti italiani parte del materiale richiesto. Lo ha riferito il deputato Tarek al Kholi, segretario della commissione Affari esteri della Camera dei rappresentanti egiziana, attraverso una dichiarazione scritta.

Tre sono le richieste rigettate dalle commissioni parlamentari riunite degli Affari esteri, dei Diritti umani, della Difesa: l’invio dei tabulatati telefonici, l’estradizione di tre persone in relazione al caso e l’acquisizione delle immagini di alcune telecamere a circuito chiuso. “Le recenti richieste della parte italiana sono in contrasto con la Costituzione. Pertanto noi sosteniamo il rifiuto delle autorità competenti di rispettare tali richieste”, ha detto al Kholi.

La commissione trilaterale redigerà un rapporto sui recenti sviluppi nelle indagini e lo sottoporrà al presidente della Camera dei rappresentanti, Ali Abdel Al. Il documento includerà anche alcune “proposte” per contenere la crisi con Roma dopo la sospensione, da parte del Parlamento italiano della fornitura di parti di ricambio per i cacciabombardieri F-16 egiziani. Una speciale “cellula di crisi”, inoltre, dovrà da una parte seguire le indagini sull’omicidio, dall’altra contenere la crisi con l’Italia. Tale organismo includerà tutte le autorità egiziane coinvolte nel caso del ricercatore friulano di Fiumicello torturato e ucciso al Cairo lo scorso febbraio: dall’intelligence alla procura, dal ministero dell’Interno a quello degli Esteri, fino al parlamento.  © Agenzia Nova



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -