Strage Nizza, Borghezio denuncia varie inadempienze

 

Al termine di 3 giorni di permanenza a Nizza e di stretti contatti con alcuni italiani vittime dell’attentato di Nizza e con i loro famigliari, preso atto di veri aspetti della situazione, sento il dovere di rendere pubbliche le seguenti osservazioni:

1) evidenti e gravi le colpe in vigilando dei responsabili francesi, locali e nazionali, della sicurezza della manifestazione del 14 luglio a Nizza;

2) preoccupazione circa l’entità dei fondi effettivamente disponili per il risarcimento di tutti i danni subiti dalle vittime, italiani in primis, e della loro tempistica, essendo ancora incompleti i risarcimenti dei precedenti attentati in Francia;

3) deplorazione delle condizioni, a dir poco irrispettose, anche dei fondamentali diritti religiosi, della custodia delle salme delle vittime, ancora oggi ricoverate senza nome in furgoni-frigo privati;

4) necessità urgente di predisporre, a livello europeo:

a) un adeguato fondo per il risarcimento delle vittime del terrorismo islamista, qualora i fondi nazionali non risultino sufficienti;

b) un adeguato coordinamento dell’assistenza, anche legale, delle vittime e dei loro famigliari, risultata, attualmente, insufficiente.

Non mancherò domani di prendere la parola anche su questi punti nella commissione AFET (esteri) convocata d’urgenza a Bruxelles al Parlamento europeo.

On. Mario Borghezio

Deputato Lega Nord al P.E.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -