Erdogan: “Se il Parlamento vara la pena di morte, l’approverò”

Arresti a raffica in Turchia e ‘purghe’ dopo il tentativo di colpo di Stato. Sono in tutto 103 i generali e gli ammiragli delle Forze Armate finiti in carcere. Tra i generali c’è anche Akin Ozturk, ex capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica, indicato da funzionari governativi turchi come il presunto capo dei golpisti in patria.

erdogan

In merito al tentato golpe, in un’intervista esclusiva alla Cnn, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha detto che non è possibile escludere la pena di morte per chi ha tentato di rovesciare il suo governo con un colpo di Stato. ”C’è un chiaro reato di tradimento”, ha detto, precisando comunque che l’eventuale ritorno della pena di morte in Turchia dipenderà ”naturalmente da una decisione parlamentare” e ”io come presidente approverò qualsiasi decisione emerga dal Parlamento”.

Intanto sono 7.850 i poliziotti sospesi: tra loro anche alti ufficiali, come si legge sul sito web del giornale turco ‘Hurriyet’. Ai poliziotti è stato imposto di riconsegnare armi e distintivi. Il ministero dell’Interno di Ankara ha inoltre silurato “in totale 8.777 dipendenti”. Lo riportano i media filo-governativi. Tra questi ci sono “30 governatori e 52 investigatori”.

Dopo il tentativo di golpe, inoltre, la Turchia ha anche messo al bando una ventina di portali di notizie e siti web.
GIUDICI ARRESTATI – L’Encj, rete europea dei consigli di Giustizia, ha manifestato seria preoccupazione “per le notizie di oltre 2.700 giudici e pubblici ministeri sospesi o espulsi dal Consiglio superiore dei giudici e dei pubblici ministeri poche ore dopo i terribili eventi. Ulteriori report sembrano indicare che un grande numero di giudici e pubblici ministeri sono stati arrestati”.

Anche il commissario europeo alla Politica di vicinato e ai Negoziati per l’allargamento, Johannes Hahn, si è detto “molto preoccupato” per gli ordini di arresto emessi nei confronti dei magistrati. “Ci aspettiamo una risposta che sia in linea con gli standard internazionali dello Stato di diritto. E quello che vediamo non è in linea con lo Stato di diritto” ha rimarcato. “Come minimo è una cosa che è stata preparata. Il fatto che le liste fossero disponibili subito dopo l’evento indicano che era stata preparata e che a un determinato momento avrebbero dovuto essere utilizzate”, ha osservato Hahn. adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -