Rimini: senzatetto stuprata, picchiata e rapinata da due marocchini

 

RIMINI, 16 LUG – Stuprata, picchiata e rapinata in una colonia abbandonata sul lungomare di Riccione. Notte da incubo per una 46enne riminese, da anni senza fissa dimora, costretta a trovare riparo in alloggi di fortuna. Da qualche giorno si era rifugiata nella struttura dove, nella notte tra giovedì e venerdì, ha incontrato due uomini, entrambi marocchini in Italia clandestinamente, che l’hanno picchiata fratturandole la mandibola. Poi uno ha abusato di lei mentre l’altro la teneva ferma. Sono stati individuati e fermati.

Prima di fuggire le hanno strappato il telefono e chiusa in una stanza. La 46enne non si è mossa fino al primo pomeriggio di venerdì quando è riuscita a forzare. In strada ha chiesto aiuto a dei passanti che hanno chiamato il 118. In ospedale la visita ginecologica ha confermato la violenza e così sono stati avvisati i carabinieri che nel giro di poche ore hanno trovato i due stranieri, di 19 e 21 anni, e li hanno sottoposti a fermo in attesa della convalida che dovrebbe essere eseguita lunedì. (ANSA)



   

 

 

2 Commenti per “Rimini: senzatetto stuprata, picchiata e rapinata da due marocchini”

  1. Se degli Italiani il fascio decantava le arti nautiche, la fantasia creativa e lo spirito umanitario, oggi per i Marocchini – che certamente troverebbero compagnia, in un cartellone più “allargato” – si potrebbe parlare di una etnìa di STUPRATORI, SPACCIATORI DI DROGA, e LADRI!

    3 attitudini assai improprie per ottenere il consenso, diretto od indiretto, per molti di loro in questo malaugurato Paese Itali!

    Già, ma Bergoglio ci dice che ognuno di loro è la immagine di Dio in Terra e quindi come tale deve essere accolto e amato.

    Curioso questo catechismo Bergogliano. Già una interpretazione tutta sua, ma per fortuna lo ha detto anche lui che il papa non ha il dono della INFALLIBILITA’.

    E già, allora secondo il suo schema noi dovremmo pensare che Dio possa essere anche STUPRATORE, SPACCIATORE DI DROGA, e LADRO!!!

    Veramente il mondo si sta rivoltando. Io comunque concludo con le parole dello stesso Bergoglio, che dice: “Chi sono io per giudicare”? Sarà Dio a giudicare, perché non tocca all’Uomo”

    Ergo, io penso che il sig. papa, una volta detto il suo rosario, dovrebbe, come ha fatto per le unioni gay e presto le relative adozioni, dovrebbe mettersi da parte, e lasciare che ogni uomo agisca nella sua libertà di coscienza, tanto poi sarà Dio a giudicare chi gli è stato vicino e chi non….STUPRATORI in primo luogo!

  2. Lo dice il Corano . Meno male che non ha detto di quale religione era.!
    Che fortuna ha avuto.!!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -