Poliziotto indagato e spostato d’ufficio per insulti a Chinyery e alla Boldrini

 

Chinyery-Boldrini

E’ finito sul registro degli indagati con l’accusa di istigazione all’odio razziale il poliziotto in servizio alla Questura di Prato sospettato per alcuni commenti apparsi nei giorni scorsi sulla sua pagina Facebook, con insulti alla compagna del nigeriano morto a Fermo durante una rissa e macabri auspici alla Presidente della Camera, Laura Boldrini.

La Procura – scrive repubblica/firenze -  è ora al lavoro per chiarire se le frasi appartengano al poliziotto o se il suo profilo sia stato violato. In attesa di completare gli accertamenti, il questore Paolo Rossi ha fatto spostare l’agente in un altro ufficio, lontano da rapporti con il pubblico. “Una misura presa anche a sua tutela – spiega – ha tutto il diritto di chire la sua posizione. Di certo sono frasi gravissime, incommentabili. Nel frattempo si è deciso di aggregarlo a un ufficio non operativo, burocratico. Lunedì apriremo invece il procedimento disciplinare”.

I due post, poi rimossi, contenevano frasi sessiste, con anche l”auspicio di violenze nei confronti della presidente della Camera. Insulti anche nei confronti di un “parroco che ha fatto l’omelia”.



   

 

 

2 Commenti per “Poliziotto indagato e spostato d’ufficio per insulti a Chinyery e alla Boldrini”

  1. Se lo ha fatto, il poliziotto dovrebbe scusarsi, ma solo dopo le scuse della Boldrini per aver immediatamente preso per buone le dichiarazioni della vedova, che invece sembra aver reagito fisicamente ad un’offesa verbale ed aver poi mentito agli inquirenti.

  2. …come sempre paga il più debole!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -