Nel 2016 la Camera dei deputati ci costerà un miliardo di euro

Condividi

 

 

boldrini

Un miliardo di euro. Cioè quasi duemila miliardi delle vecchie lire, per chi ha più di trent’anni e memoria della nostra ex moneta nazionale. E’ quanto ci costerà nel 2016 la Camera dei deputati guidata da Laura Boldrini. La cifra non solo è mostruosa, ma è anche più alta di quella stanziata nel 2015. Segno che i risparmi tanto sbandierati sono già finiti, anche se il comunicato della Camera vanta risparmi da 270 milioni di euro nella legislatura in corso rispetto a quella precedente.

Esattamente, quest’anno Montecitorio ci costerà 996 milioni di euro contro i 986 dell’anno scorso. A rendere note le cifre del bilancio di Palazzo è il sito La Notizia diretto da Gaetano Pedullà. La parte più consistente della spesa andrà in stipendi ed emolumenti per il personale dipendente: 213 milioni in tutto, cui vanno aggiunti i 16 per il personale non dipendente.

Ci sono, poi, i deputati. Tra indennità (81 milioni) e rimborsi vari (altri 63 milioni), per il 2016 il bilancio di previsione parla di ben 144 milioni, cifra che si manterrà inalterata anche negli anni successivi. E i vitalizi: nell’anno in corso per gli assegni di pensione degli ex deputati se ne andranno altri 135 milioni di euro. E ancora: 2,1 milioni per la ristorazione, 6,6 milioni per le pulizie, 4 milioni per la comunicazione istituzionale (175mila euro solo per i servizi fotografici), ben 10 milioni per i trasporti (tra aerei, auto e treni).

Poi ci sono anche le voci di spesa più curiose. Come, ad esempio, la manutenzione dell’arredo verde, per cui Montecitorio spenderà 215mila euro, o il controllo dei plichi postali (altri 580mila euro).

liberoquotidiano.it

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -