Migranti: arcivescovo di Oristano celebra messa per vittime del mare

 

messa-migranti

ORISTANO – Una preghiera e una corona di fiori per i tanti migranti che hanno perso la vita in mare, durante il viaggio che avevano intrapreso con la speranza di trovare la libertà e una casa lontani dalla loro terra. Questo il senso della cerimonia religiosa officiata ieri all’isola di Mal di Ventre dall’arcivescovo di Oristano Ignazio Sanna. E non è un caso che monsignor Sanna ed i parroci, con i sindaci di Cabras e di San Vero Milis, abbiano raggiunto l’isola a bordo della motovedetta della Guardia costiera di Oristano che nei mesi di febbraio, marzo e aprile di quest’anno ha operato con personale proprio nel tratto di mare tra Lampedusa e le coste africane portando soccorso a centinaia di migranti.

“Quest’isola è il luogo ideale per ricordare le innumerevoli vittime senza nome, ma anche per ringraziare chi ha operato e opera ancora per salvarle, spesso anche a rischio della propria vita”, ha sottolineato l’arcivescovo prima di lanciare in mare la corona di fiori rossi e bianchi. ansa



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -