Il velo islamico in ufficio sta per diventare un diritto

 

velo-Asma-Bougnaoui

Photograph: Alamy

Una politica aziendale che impone a una dipendente di togliere il velo quando si trova a contatto con i clienti costituisce un’illegittima discriminazione diretta. E’ quanto sostiene l’avvocato generale della Corte di Giustizia dell’Ue Eleanor Sharpston, nelle conclusioni relative ad una causa che vede opposte Asma Bougnaoui, una donna musulmana assunta come ingegnere progettista, e la Micropole, una società di consulenza informatica francese, ex datore di lavoro della professionista. Le conclusioni dell’avvocato generale non vincolano la Corte, cui spetta l’emissione della sentenza, che arriverà in seguito.

Una politica che impone un codice di abbigliamento totalmente neutro, secondo l’avvocato generale, può anche costituire una discriminazione indiretta, giustificata solo se proporzionata al conseguimento di un obiettivo legittimo, che può essere rappresentato dagli interessi commerciali di un datore di lavoro. La Bougnaoui, assunta nel 2008 dalla Micropole, indossava a volte, quando lo desiderava, un velo che le copriva il capo, lasciandole il viso scoperto.

Nell’ambito delle proprie mansioni, la donna incontrava clienti della Micropole, nelle loro sedi. Un cliente si è lamentato, sostenendo che il velo portato dall’ingegnere avrebbe “messo in imbarazzo” i suoi impiegati. I datori di lavoro le hanno quindi chiesto la disponibilità a non indossare il velo la volta successiva, richiesta alla quale la donna ha opposto un rifiuto. L’azienda l’ha quindi licenziata, il 22 giugno del 2009.

Secondo la Micropole, il rifiuto di togliere il velo avrebbe reso impossibile lo svolgimento delle sue mansioni in rappresentanza dell’impresa. La Bougnaoui ha fatto causa. adnkronos

DAL DIRITTO ALL’OBBLIGO IL PASSO SARA’ BREVISSIMO

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -