Banche: crac Carife, 17 indagati per bancarotta fraudolenta patrimoniale

 

FERRARA, 13 LUG – La Procura di Ferrara ha inviato 17 avvisi di garanzia nei confronti di chi nel 2011, massimi dirigenti e membri del cda di Carife, avallò scelte e decisioni che portarono a raccogliere 150 milioni che avrebbero dovuto rilanciare una Cassa in quegli anni in assoluta difficoltà.

L’atto – riferisce la Nuova Ferrara – è stato notificato per invitare gli indagati agli interrogatori davanti ai magistrati titolari dell’inchiesta, i pm Barbara Cavallo e Stefano Longhi. Tra i quattro capi d’accusa contestati (gli altri sono false comunicazioni sociali alla vigilanza, cioè a Bankitalia, falsi in prospetto e aggiotaggio) compare per la prima volta quello di bancarotta fraudolenta patrimoniale, perché l’aumento di capitale – questa l’ipotesi rubricata – fu deciso sapendo che non avrebbe risolto le sorti della Cassa di Risparmio.

Gli interrogatori sono il preludio all’atto di fine indagine e hanno l’obiettivo, dal punto di vista degli inquirenti, di riscontrare il materiale di prova raccolto durante le indagini. ansa



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -