Serbia in allarme, ripreso flusso di migranti dalla rotta balcanica

 

Nonostante la chiusura lo scorso marzo della cosiddetta rotta balcanica con il sigillo più o meno ermetico delle frontiere nei Paesi della regione, in Serbia da alcune settimane si registra una ripresa del flusso illegale di migranti e profughi mediorientali diretti in Europa occidentale.

A lanciare l’allarme e’ stato Aleksandar Vulin, ministro del lavoro e affari sociali responsabile dell’emergenza migranti, secondo il quale gli arrivi più consistenti si registrano da Bulgaria e Macedonia. Belgrado accusa inoltre l’Ungheria di aver avviato un piano di respingimento forzato in Serbia di migliaia di migranti entrati illegalmente nel Paese nei mesi scorsi.

In tale situazione, ha detto Vulin alla tv pubblica Rts, almeno 1.500 profughi sono stati localizzati nel nord della Serbia, al confine ungherese, e oltre 500 a sud.

“I migranti stanno tornando in Serbia, e questo e’ un problema preoccupante, Se in pochi giorni ne sono giunti 2 mila, si può immaginare cosa avverra’ nei prossimi mesi. Noi non possiamo consentire questi flussi incontrollati”, ha detto Vulin, che oggi parteciperà a una seduta di emergenza con altri responsabili serbu a Presevo, nel sud del Paese al confine con la Macedonia.

E nuovi gruppi di migranti – in prevalenza siriani, iracheni, afghani – si vedono nuovamente a Belgrado, dove sostano accampati nello spiazzo davanti alla stazione ferroviaria e degli autobus, lo stesso luogo che la scorsa estate accolse migliaia di rifugiati. Migranti che sono tutti alle mercè di gruppi criminali di trafficanti. Come ha riferito l’emittente private B92, diversi profughi hanno denunciato violenze e maltrattamenti subiti dalle polizie di Ungheria e Bulgaria, che avrebbero scatenato contro di loro anche i cani. (ANSAmed)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -