Terrorizzata con riti voodoo, picchiata e costretta a prostituirsi, nigeriano arrestato

 

Enoghayin-Egharevba

CAGLIARI, 7 LUG – Minacciata, terrorizzata con i riti voodoo, picchiata e costretta a prostituirsi. È una storia di sofferenza e di paura quella della 24enne nigeriana salvata dalla Polizia e dalla Caritas con l’arresto del suo sfruttatore, Enoghayin Egharevba, 29 anni, nigeriano residente da tempo in Italia. E’ accusato di violenza, minacce, lesioni e sfruttamento della prostituzione.

Le indagini della Squadra mobile sono scattate una decina di giorni fa quando la Questura ha ricevuto la segnalazione da parte dell’associazione anti tratta della Caritas, che da sempre collabora con la polizia, relativa ad una ragazza di 24 anni che chiedeva aiuto. La nigeriana era partita dal paese di origine il 28 marzo scorso con la promessa di una vita migliore, la possibilità di studiare e trovare un lavoro. Era rimasta in Libia quattro mesi prima di salire su un barcone alla volta dell’Italia, poi era andata a Milano e Bergamo. Arrivata a Cagliari, la giovane è stata costretta a prostituirsi, minacciata costantemente e picchiata. (ANSA)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -