Strage di Dacca, la festa di ramadan a Camposanto non si ferma: è polemica

 

Dopo la terribile strage di Dacca, dove hanno perso la vita 9 italiani, la comunità islamica di Finale Emilia ha deciso di sospendere la festa di fine Ramadan, Non è accaduto lo stesso altrove: la festa di Ramadan a Camposanto non si ferma: ed è polemica politica.

Nel Consiglio Comunale del 4 luglio, Mauro Neri – Consigliere “Libertà e Democrazia”- ha chiesto al Sindaco Baldini spiegazioni sulla “festa di fine ramadan” prevista a partire dall’8 luglio, e se fosse pervenuta una nota di solidarietà da parte della comunità islamica presente a Camposanto. “Ma ad oggi – spiega il consigliere- nulla, nè tantomeno la sospensione della “festa” in virtù dei recenti fatti tragici di Dacca. Unica “rassicurazione” del sindaco “chiederò che si tenga un profilo basso ” per quale motivo il Sindaco non ha richiesto alla comunità islamica di modificare il programma dei festeggiamenti previsto, in doverosa solidarietà delle vittime dell’attentato?

Sulla vicenda interviene Antonio Spica – Consigliere Comunale a Bastiglia e referente FDI AN per la Bassa – : sono amareggiato per la mancata presa di distanza per gli atti di terrorismo nei confronti delle vite spezzate a Dacca e per i nostri connazionali, fra cui modenesi, sgozzati in nome del Corano  [...]

www.sulpanaro.net

 



   

 

 

1 Commento per “Strage di Dacca, la festa di ramadan a Camposanto non si ferma: è polemica”

  1. Ha detto bene e onore il consigliere Antonio Spica, ma il sindaco dovrebbe intervenire energicamente su questo fatto e inutile che difendiamo questa gente andate nei loro paesi e vedete come vi accolgono!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -