Caso Regeni: l’Italia blocca fornitura di ricambi per F-16, ira del Cairo

 

La decisione di Roma di fermare la fornitura all’Egitto di pezzi di ricambio per i caccia F16 avrà degli “impatti negativi in tutti i campi della cooperazione tra i due Paesi: sul piano bilaterale, regionale e internazionale”.

Lo sostiene il ministero degli Esteri egiziano in un comunicato nel quale precisa che le conseguenze si faranno sentire anche nel campo della “cooperazione in corso tra Roma e Il Cairo nella lotta all’immigrazione clandestina”.

 ——————————-

La Camera ha respinto un emendamento di Forza Italia, della Lega e di Fdi che avrebbe reintrodotto nel decreto missioni l’autorizzazione a fornire all’Egitto pezzi di ricambio per i caccia F16. L’autorizzazione era stata espunta dal decreto nel passaggio al Senato.

I voti contro l’emendamento sono stati 308, quelli a favore 29 (Fi, Lega e Fdi) mentre in 3 si sono astenuti.

Lo stop alla fornitura di pezzi di ricambio all’Egitto, ha detto ELio Vito (Fi), presentatore dell’emendamento “è un grave errore politico che nulla a che vedere con la tragica fine in cui tutti siamo interessati a trovare la piena verità”. “Finché non si individuano le responsabilità è inutile trarre conseguenze sui colpevoli”. “Si abbia l’umiltà di porre rimedio a quell’errore fatto in Senato – ha concluso – che avrà una certa conseguenza sulla nostra politica estera”.

Anche l’ex ministro della Difesa, Ignazio La Russa, si è pronunciato a favore dell’emendamento: “E’ singolare – ha detto – che la prima volta in cui il Governo e il Parlamento mostrano gli attributi e reagiscono con una ritorsione a un atto offensivo, lo facciano danneggiando il contrasto all’Isis e al terrorismo. Ci sono anche le ritorsioni economiche, quelle diplomatiche”. Parole che non hanno convinto la maggioranza ed anche Si e M5s che hanno votato contro l’emendamento. “L’Italia ha respinto con forza ogni ricostruzione infondata proveniente da Il Cairo”, ha intanto detto oggi alla Camera il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, intervenendo sul caso Regeni in occasione del question time alla Camera.

“Pretendiamo di sapere chi ha ucciso e torturato Giulio Regeni” per “la famiglia” e per “il popolo italiano che si sente oltraggiato da finte verità”. (ANSAmed).



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -