Università di Cambridge, europeista nuda per protesta contro la Brexit

 

A neanche due settimane dallo storico referendum della Brexit per l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea non accennano a placarsi le polemiche e Victoria Bateman, un’accademica inglese, ha deciso come protesta di mostrarsi nuda per esprimere il suo disappunto.

Victoria-Bateman

I fatti risalgono a mercoledì scorso quando alla riunione della facoltà di Economia dell’Università di Cambridge la ricercatrice si è presentata completamente nuda con la scritta sul seno “La Brexit spoglia il Regno Unito”. All’incontro, organizzato con l’obiettivo di definire i programmi di studio, erano presenti 30 economisti e le personalità più illustre del mondo accademico inglese.

Inizialmente, la nudità di Victoria Bateman per la Brexit non ha destato particolare scalpore visto che per due ore dell’incontro la ricercatrice inglese è passata inosservata e il meeting è proseguito senza particolari interruzioni o stravolgimenti all’agenda. Tutto è filato liscio fino a quando Nigel Knight, direttore di facoltà al Churchill College e presidente dell’incontro, ha posato lo sguardo sulla studiosa e, attirando l’attenzione degli altri presenti, ha detto: “Penso che avremmo bisogno di qualche tazza di caffè”.

Esperta di economia europea e accanita oppositrice della Brexit, Victoria Bateman non è nuova a questo genere di manifestazioni. L’anno scorso la ricercatrice ha infatti posato senza veli per un ritratto realizzato dal pittore Anthony Connolly. Questa volta, però, la scelta del nudismo non è stata dettata da finalità artistiche, ma ha assunto i contorni di una protesta dai risvolti politici. IL GIORNALE



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -