Studente Usa ucciso a Roma, insulti all’Italia sui social: “Paese di criminali e razzisti”

 

L’Italia? “Uno dei Paesi più pericolosi, non dovrebbe far parte dell’Unione Europea”. Gli italiani? “Sono troppo razzisti”. Roma? “Un posto infestato da criminali”.

Beau-Solomon

La notizia della tragica scomparsa di Beau Solomon, lo studente americano 19enne della John Cabot University scomparso giovedì scorso nella Capitale, rimbalza sui siti stranieri e sui social network, portando con sé un’ondata di sdegno e rabbia fra i commentatori. Sono in tantissimi a lasciare una frase o un pensiero nei post Facebook e Twitter delle testate straniere dedicati al caso, molti di condoglianze alla famiglia e tanti di aperta condanna nei confronti dell’Italia. Dal NY Post al New York Daily News, si susseguono infatti da qualche ora una quantità di giudizi ben poco gratificanti sul Belpaese, molti dei quali poi scomparsi in mattinata forse per l’eccessivo carico di livore dettato dall’emozione del momento.

“L’Italia – scrive ad esempio un utente – può essere un posto pericoloso. E’ piena di crimini e infestata da criminali. La polizia a Roma è incompetente e di conseguenza conduce le indagini. Questo Paese non dovrebbe essere membro dell’Ue. [...] E’ vero, queste cose – continua – possono succedere ovunque, ma le persone non dovrebbero andare in Italia pensando si tratti di un Paese sicuro e civilizzato. Non puoi abbassare la guardia e fidarti di tutti. Queste persone sono dei selvaggi”.

Usa: Chicago violenta. E’ allarme omicidi, + 62%

Crisi – Ecco com’è ora Detroit: una discarica per cadaveri

“A voler essere onesti – gli fa eco una lettrice – l’Italia è uno dei Paesi più pericolosi del mondo e gli italiani sono fin troppo razzisti. Non ci andrei mai”. “Gli americani – continua un altro – percepiscono l’Italia come un posto tranquillo dove possono lasciarsi andare, quando in realtà è pieno di criminali e una nazione corrotta governata da politici incompetenti e forze dell’ordine corrotte, come negli Usa o in Russia“.

Ma non solo. A farsi largo nella crescente rabbia fra i commentatori sono anche i riferimenti al passato: emblematico in questo senso è il richiamo ad Amanda Knox e all’omicidio Meredith, con pesantissime accuse rivolte agli investigatori e alla giustizia italiana. E non mancano nemmeno i teorici del complotto, che questa volta tirano in ballo l’Isis: “I jihadisti sono di vedetta negli aeroporti aspettando solo un ingenuo americano in arrivo. Gli offrono un passaggio – scrive l’americano Eugene – e si ritrova a faccia in giù in un fiume. Aveva tre caratteristiche contro di lui: era americano, era ebreo, era bianco. Il poverino non aveva scampo”. ADNKRONOS



   

 

 

2 Commenti per “Studente Usa ucciso a Roma, insulti all’Italia sui social: “Paese di criminali e razzisti””

  1. L’ITALIANI; BRAVA GENTE.! INSULTATE CHI HA IL DOVERE ISTITUZIONALE .!!! NEI SECOLI E’ STATA UN TRANSTO DI TUTTE LE RELIGIONI E COLORE DELLA PELLE. (COME ORA)
    NON RICORDO SE FU CESARE OD ALTRO . RIPORTATO NELLA STORIA (VECCHIE PERGAMENE)… GIUNTO IN PALESTINA : “i VINCITORI RISPETTINO LA RELIGIONE DEI VINTI E SI SALVERANNO.!!!
    PURTROPPO L’ITALIA NEI SECOLI E’ STATA UNA TRASUMANZA DI ALTRUI CULTURE DA AVERLA RIDOTTA AD UN MERCATO FRATRICIDA. A STENTO SI TENTA ELIMINARE IL MALE PURTROPPO HA RIPRESO IL SOPRAVVENTO. DEI SOLITI OCCULTI . IL SINEDRIO E’ IN MEZZO A NOI.!!!

  2. Questo è solo un assaggio di ciò che scatenerebbero i media mondiali contro l’Italia se un giorno eleggessimo un governo inviso ai nostri padroni ammerikani e poi, dopo la criminalizzazione, arriverebbero le bombe.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -