Senegalese accoltellato da un filippino durante spedizione punitiva

 

ROMA – Ha rischiato di finire in tragedia una “spedizione punitiva”, forse per motivi di odio razziale, da parte di un gruppo di filippini nei confronti di due nordafricani, abitanti in uno stesso stabile di Porta Maggiore a Roma.

coltello

Un senegalese di 50 anni è stato accoltellato ed è rimasto gravemente ferito, ma la polizia è riuscita a identificare il gruppo di aggressori, tra cui un filippino di 43 anni fermato per tentato omicidio.

Tutto è avvenuto nella notte del 28 giugno scorso. Ad avere la peggio uno dei due aggrediti, che dopo essere stato colpito con calci e pugni è stato ferito più volte con uno stiletto all’addome, riportando profonde ferite. Ricoverato in gravissime condizioni, è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico ed i medici sono riusciti a salvargli la vita.

Appena avuto notizia dell’accaduto, sono scattate le indagini degli agenti del commissariato Porta Maggiore, diretto da Moreno Fernandez, che hanno iniziato ad assumere informazioni dagli abitanti della zona per cercare di ricostruire l’accaduto.

Quattro componenti del gruppo degli assalitori sono stati identificati, tra loro il presunto responsabile dell’accoltellamento: un filippino di 43 anni, nei confronti dei quali è stato disposto un fermo per tentato omicidio, ma che si è reso irreperibile.

Grazie a una serie di appostamenti dei poliziotti, l’accoltellatore è stato individuato la sera scorsa in un ristorante del centro storico ed arrestato. Nel corso di una perquisizione domiciliare è stato trovato anche lo stiletto utilizzato per colpire il nordafricano. L’uomo, pertanto, è finito nel carcere di Regina Coeli, mentre gli altri tre aggressori sono stati denunciati in stato di libertà. Continuano le indagini sui motivi precisi che hanno scatenato la sanguinosa aggressione, anche se non si escludono motivi legati all’odio razziale tra le varie etnie. adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -