Pediatra e pedofilo: ex segretario del Pd molestava una tredicenne

 

Un pediatra del Policlinico San Matteo di Pavia è stato arrestato  con l’accusa di molestia su minore. Sul caso indaga la procura pavese, ma intanto l’ospedale ha sospeso il sanitario e ha avviato una procedura disciplinare a suo carico.

L’uomo avrebbe adescato su Facebook una ragazza di 13 anni affetta da una grave malattia gastrointestinale. E l’estate scorsa l’avrebbe molestata con atti sessuali, in occasione di un ricovero della giovane al Policlinico San Matteo dove il medico, 50enne, è dirigente responsabile del Servizio di gastroenterologia del Reparto di pediatria. A Pavia il pediatra è anche dirigente dell’Asp (Azienda servizi alla persona).

A ricostruire la vicenda è una nota della Questura pavese, in cui si riferisce che la squadra mobile ha sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari il sanitario per il reato di violenza sessuale aggravata. “L’arresto – si spiega – è stato eseguito dopo un’indagine protrattasi per parecchi mesi, generata dalla denuncia dei genitori di una 13enne affetta da una grave patologia gastrointestinale insorta qualche anno prima e che la rendono ‘persona incapace di svolgere compiti e funzioni proprie della sua età’, patologia per la quale era in cura presso il Reparto di gastroenterologia del Policlinico San Matteo, dove veniva sottoposta a una terapia sperimentale”.

Proprio nell’ambito di queste cure, che prevedevano ricoveri in regime di Day hospital in Pediatria, “si sarebbero consumati gli abusi sessuali a opera del medico cui la minore era stata affidata e che si occupava della gestione della terapia”.

Nello specifico è stato accertato che il pediatra, “dopo una lunga attività di adescamento protrattasi per circa 3 mesi in cui l’uomo, con inequivocabili chat su Facebook intratteneva contatti con la minore, inizialmente si proponeva come medico amichevole conquistando la fiducia” della ragazza, e “poi pian piano ampliava la confidenza, mostrandosi molto interessato e attratto anche fisicamente da lei fino a ad arrivare a colloqui di natura sessuale nei quali si faceva promettere un bacio. In effetti, dopo questa lunga e subdola attività di adescamento, in occasione di un ricovero della giovane paziente risalente alla scorsa estate – prosegue la Questura – il medico, approfittando del fatto che la minore fosse da sola in camera, poneva in essere atti sessuali nei confronti della giovane”.

La Questura parla di “baci sulle braccia e sulla bocca su di una minore che, in considerazione del contesto e delle motivazioni pur cui si trovava” in ospedale, “era in balia degli eventi”. Le indagini hanno consentito di acquisire “inconfutabili elementi di responsabilità a carico del medico, quali i testi delle chat intercorse con la minore che, interfacciate con i turni di servizio del medico, fornivano oggettivi riscontri sulla veridicità di quanto scritto nei messaggi stessi”.

Sono stati inoltre condotti “approfonditi accertamenti tecnici sul computer in uso alla minore”, che hanno permesso di “escludere qualsiasi ipotesi di alterazione dei testi, nonché di ricondurre il profilo Facebook” del mittente proprio al dottore.

La minore, spiega la Questura, ha ricostruito “in maniera precisa, logica e coerente gli accadimenti, ben inquadrando lo stato d’animo che l’hanno portata a subire la violenza”. Alla luce del “pesante quadro indiziario”, si legge ancora, la Procura della Repubblica di Pavia, nella persona del sostituto procuratore Chiara Giuiusa, “ritenendo il medico spiccatamente predisposto a commettere reati della stessa specie, ha ritenuto di richiedere al Gip la misura degli arresti domiciliari”. Richiesta accolta “in considerazione dell’attività svolta e del livello culturale dell’indagato che non poteva non conoscere il gravissimo disvalore degli atti compiuti ai danni di una minorenne”.

Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Pavia, Anna Maria Oddone, conclude la Questura, ha infatti evidenziato come il medico “abbia dimostrato di non avere capacità di autocontrollo”, rendendo “concreto e attuale” il rischio di reiterazione del reato. “Lo stesso Gip ha pertanto ritenuto che la misura degli arresti domiciliari, con il divieto di comunicare con qualsiasi modalità con soggetti differenti da quelli che coabitano con l’uomo, possa contenere il rischio di rapporti a contenuto sessuale con minori”.

Il Policlinico San Matteo “ha provveduto – comunica l’Irccs – oggi all’immediata sospensione cautelare dal servizio del medico e all’avvio della contestuale procedura disciplinare nei suoi confronti. Il quadro che emerge da quanto è contestato dai giudici della procura di Pavia è di grave rilevanza criminosa e accerta un comportamento odioso, ancor più spregevole perché coinvolge, come vittima, una minore in condizione di fragilità”.

Nel suo sito Internet, Ricci racconta della dedizione alla propria professione. Nell’ultima informazione pubblicata, che porta la data di ieri 5 luglio, compare la foto di un neonato sorridente con sopra la scritta “Perché amo il mio lavoro? La risposta è semplice”.

Nel profilo si ricordano la specializzazione in Pediatria nel 1998, la qualifica di responsabile del Servizio di gastroenterologia della Clinica pediatrica del Policlinico San Matteo di Pavia – dove dal 2002 è dirigente medico – e quella di presidente dell’Asp cittadina (Azienda dei servizi alla persona) dal dicembre 2014. Lo specialista, membro della Sip (Società italiana di pediatria) e della Sigenp (Società italiana di gastroenterologia e nutrizione pediatrica), figura anche responsabile di un progetto sull’impiego di cellule mesenchimali nelle malattie infiammatorie croniche intestinali nel bambino.

Secondo quando riporta ‘la Provincia Pavese’, Ricci in passato è stato segretario del Pd cittadino e in questa ore il sindaco di Pavia, Massimo Depaoli, ha revocato la sua nomina nel consiglio d’indirizzo dell’Asp. Le sue funzioni saranno esercitate dal vicepresidente Marco De Angelis. ADNKRONOS



   

 

 

1 Commento per “Pediatra e pedofilo: ex segretario del Pd molestava una tredicenne”

  1. Che si fa anche a questo diamo i domiciliari? non sapevo che tra i PDioti vi sarebbero stati anche Pediatri Pedofili, in galera e buttare le chiavi.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -