Riforma Costituzione, Napolitano: forze politiche giurarono che l’avrebbero approvata

 

Roma – Avverte che “con questa riforma della seconda parte della Costituzione io mi sono rotto la testa per questi nove anni da Presidente della Repubblica” e ammonisce che al Quirinale, su quel dossier, ricevette “dalle forze politiche perfino giuramenti” che l’avrebbero approvata

napolitano

Giorgio Napolitano torna a spendere la sua autorita’, sottolinea che il suo bis al Colle fu “al solo scopo di fare le riforme”, ed entra nel merito per osservare che “al di la’ dei perfezionismi che, dicono qua e la’ alcuni professori dovrebbero essere apportati al testo, ritengo che sia legittimo e auspicabile, e io me lo auguro fortemente, che la grande maggioranza dei cittadini non faccia ancora una volta finire nel nulla gli sforzi messi in atto in due anni in Parlamento”.

Il senatore a vita si rifa’ proprio alla stagione Costituente, “non un idillio” avverte, perche’ “non si deve cadere in certe forme di nostalgia” e “il momento magico della Costituente non duro’ a lungo” ma allora, ricorda, “si trovo’ una strada comune e si riusci’ a mantenere quella unita’ fino al voto finale”. Tempi diversi, segnati dal passaggio tra Guerra Mondiale e Guerra Fredda, eppure “prevalse su tutto, nonostante nel mondo si formarono due blocchi e si fu indotti a scegliere da che parte stare, la necessita’ categorica di rimettere in piedi il Paese, prevalse il senso dell’interesse comune”.

Del resto, annota Napolitano, “nella seconda parte della Costituzione, che dice come deve funzionare lo stato democratico, l’opera dei padri costituenti non e’ stata perfetta e lo sapevano anche loro”. (AGI)



   

 

 

3 Commenti per “Riforma Costituzione, Napolitano: forze politiche giurarono che l’avrebbero approvata”

  1. Io non sono un partito e non faccio parte di alcun partito .
    nel 1948 giurai per l’approvazione della costituzione nel plebiscito. Ho giurato per varie volte in altre occasioni per la costituzione. Adesso mi si chiede di artecipare ad un referendum . quando vedo che molti articoli sono sati disattesi . fra le quali art 54 e 28 in mano chi ha una veste istituzionale . Il cittadino non ha alcub potere . Non ha porta a cui bussare per tanti traditori incontrati nella vita . Deve solo subire , E si chiama Democrazia.???

  2. …e dopo avere deposto la monarchia, per invidia sociale, in Italia, i plebei si fecero re e volevano rendere il popolo schiavo, imponendo la loro volontà attraverso dei prestanome. Invece, è il popolo sovrano che deve cambiare la costituzione, se sono necessarie delle modifiche per rendere meno costoso l’apparato statale.

  3. Quando le persone raggiungono una certa età dovrebbero tranquillamente andare in pensione pensando solo a figli e nipoti.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -