Holding del crimine organizzato: traffico di migranti, droga e organi

 

Palermo – Si sono avvalse delle dichiarazioni di un pentito le indagini della polizia di Stato di Palermo culminate nei 38 fermi dell’operazione “Glauco 3″ che ha fatto luce su una holding del crimine organizzato, specializzata nel traffico di migranti e in grado gestire grandi volumi finanziari e di droga, una rete composta da 25 eritrei, 12 etiopi e un italiano. Dichiarazioni che hanno disvelato orrori e affari, rese dal collaboratore di giustizia eritreo arrestato nel 2014, Nuredin Wehabrebi Atta, il primo straniero ammesso a un programma di protezione per i pentiti, ritenuto particolarmente attendibile e a febbraio condannato a 5 anni.

Nuredin Wehabrebi Atta

Nuredin Wehabrebi Atta

 

Per la prima volta in Italia, spiegano gli investigatori, ha fornito una completa ricostruzione delle attivita’ criminali riconducibili ad una delle piu’ agguerrite bande transnazionali dedite al traffico di migranti, operante, oltre che in Nord Africa, sul territorio nazionale, con cellule attive ad Agrigento, Palermo e Roma, nonche’ in diversi Paesi europei.

Il pentito ha contribuito a documentare la dinamicita’ del business dei trafficanti attivi su piu’ versanti. Ma anche il tragico catalogo degli orrori dell’organizzazione. “I morti di cui si viene a conoscenza sono una minima parte”, ha spiegato, “tant’e’ che solo in Eritrea otto famiglie su dieci hanno avuto vittime”. E chi dopo essersi impegnato non aveva i soldi per pagare il viaggio, “veniva venduto anche per 15.000 euro a gruppi, soprattutto di egiziani, che si occupavano di espiantare e vendere organi“. Il network dei trafficanti in Libia, inoltre, “ha a disposizione armi in quantita’, tra cui Kalashinikov, pistole Makarov ed altro tipo di armi”. E, poi, il giro di certificati: “Per ogni certificato falso di stato di famiglia e di residenza di altri stranieri il guadagno era tra i 500 e i 600 euro”.

Questi certificati falsi “consentivano ai titolari di avanzare, anche alla prefettura di Agrigento, domanda per il ricongiungimento familiare di altre persone che in questo modo potevano arrivare in Italia”. Alcuni degli indagati, cosi’, oltre ad avere avviato una fiorente attivita’ di spaccio di ‘Chata’, importata dall’Etiopia, ha organizzato numerosi matrimoni “di comodo”, per regolarizzare la posizione di migranti irregolari giunti via mare, dimostrando una multisettorialita’ nelle attivita’ illegali, mai registrata prima in analoghi ambiti criminali.

I fermi sono stati eseguiti dalla polizia di Stato nelle province di Palermo, Roma, Viterbo, Agrigento, Catania, Trapani, Milano, Lecco, Macerata e Genova. Le indagini degli uomini della Squadra mobile di Agrigento e Palermo e del Servizio centrale operativo hanno consentito di ricostruire la struttura organizzativa e le dinamiche criminali di un pericoloso network transnazionale che ha favorito, traendone ingenti profitti economici, l’immigrazione illegale di migliaia di migranti.

Contestati i reati di associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, all’esercizio abusivo dell’attivita’ di intermediazione finanziaria, nonche’ di associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti, tutti aggravati dal carattere transnazionale del gruppo criminale.

Nel corso dell’inchiesta, tra l’altro, sono stati, almeno in parte, ricostruiti i flussi di denaro provenienti dal traffico di migranti, individuando, a Roma, una profumeria, all’interno della quale, nel corso di uno specifico servizio svoltosi lo scorso 13 giugno, sono stati sequestrati 526.000 euro e 25.000 dollari in contanti, nonche’ una sorta di libro mastro, riportante nominativi di cittadini stranieri ed utenze di riferimento. Eseguito il sequestro preventivo di alcune quote societarie e di tre esercizi commerciali, tra cui la profumeria che, certamente, costituiva uno dei principali snodi del flusso finanziario legato al traffico di migranti. (AGI)



   

 

 

1 Commento per “Holding del crimine organizzato: traffico di migranti, droga e organi”

  1. Che volete sono nostri fratelli bisogna accoglierli! alcuni Politici PD incapaci, sono gente che scappano dalle guerre non possiamo abbandonarli si questi scappano perchè non possono fare nei loro paesi quello che fanno in ITALIA cioè quello che abbiamo letto, grazie ai Politici che sono al Governo.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -