Sfrattata dorme nell’androne del Comune di Fucecchio

 

Fucecchio, 26 giugno 2016 – Sfrattata e senza un tetto sotto il quale trovare riparo dopo anni di inutili richieste di una casa popolare ha dormito per giorni su una panchina ai giardinetti e poi ha deciso di «sistemarsi» nell’androne del municipio.

La storia di Anna Maria Nigi, una signora fiorentina di mezz’età approdata a Fucecchio dopo lunghe peregrinazioni, è la punta di un iceberg rappresentato da chi, rimasto senza un alloggio, affronta le incertezze di una soluzione richiesta ai servizi sociali o ai competenti uffici dell’Unione dei Comuni che gestiscono la residenzialità pubblica sul territorio.

Di buona famiglia, con una laurea in lettere, Anna Maria Nigi si è trovata senza risorse e senza un luogo in cui vivere a causa di una serie di rovesci di fortuna. Dopo essere passata da un accomodamento precario all’altro, recentemente è stata messa alla porta dal padrone di casa. La stagione estiva le ha consentito di pernottare, alla meno peggio, all’aperto sempre peregrinando qua e là. Di case disponibili, le è stato detto più volte, non ce ne sono e poi occorre partecipare ai concorsi per l’assegnazione con la certezza di non farcela perché i punteggi più alti, che danno diritto a una sistemazione, sono per le famiglie numerose, con più figli, che per questa ragione passano avanti. Cosicché una persona sola resta immancabilmente fuori.

Piu’ informazioni su LA NAZIONE

 



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -