Brexit: la cosa più saggia che gli Inglesi potessero fare

 

Quello di affrancarsi, con la “Brexit”, da vincoli soffocanti e mal concepiti -partoriti da burocrati europei il cui potere è assoluto perché sottratto al controllo popolare- è stata la cosa più saggia che gli Inglesi potessero fare prima che il sistema che sta ingabbiando i popoli d’Europa potesse produrre per loro effetti irreversibili.

brexit

Si è trattato di un voto assai sofferto e partecipato, come mai forse prima d’ora, che ha aperto una breccia nei muri della prigione, a vantaggio anche degli altri europei. Gli Inglesi hanno deciso di non rinunciare alla propria sovranità e di poter restare artefici del proprio destino, anziché consegnarlo nelle mani dei finanzieri e degli speculatori. Sono questi ultimi soprattutto a mordersi le mani e ad agitarsi, a far precipitare le borse. Si tratta però di economia fittizia, “di carta”, non di economia reale: quest’ultima si misura invece su ciò che viene realmente prodotto con il lavoro delle persone e non corrisponde minimamente agli alti e bassi determinati dalle speculazioni del mercato. A dispetto di quella che era la volontà dei Padri fondatori, la Comunità Europea si è trasformata in una camicia di forza per i cittadini, il cui status sempre di più si avvicina a quello di sudditi.

Le leggi europee diventano automaticamente leggi nazionali, senza poter essere discusse e razionalmente modulate per potersi adattare alle singole realtà. Per di più si tratta di leggi che tutelano la grande finanza e opprimono i lavoratori, spesso ridotti in condizioni insopportabili. Ciò produce effetti devastanti, legittimando sfruttamento ed emarginazione delle persone, private della dignità e ridotte a “unità” lavorative o a disoccupati.

Il Parlamento europeo è solo parvenza senza nessuna sostanza, dovendo ratificare decisioni prese da pochi non eletti e perciò esterni ad esso: il suo ruolo è assimilabile a quello di un attaccapanni o di un soprammobile. Le leggi vengono infatti dettate dai potentati economici, dalle multinazionali e dalle banche, sempre più propense a spolpare i cittadini ridotti a numeri e privati di qualsiasi voce. A decidere è la Troika, le cui ricette, essendo demenziali e rovinose a priori, lo sono ovviamente anche a posteriori.

Nessun filosofo o economista, da Adam Smith, a Karl Marx, a John Meynard Keynes, ha mai descritto ricette salvifiche come quelle della Troika, per esempio quella di ottenere un formale risparmio contabile attraverso i licenziamenti pianificati di massa o le mancate assunzioni, con conseguente aumento della disoccupazione, oppure quello di tagliare o preferibilmente azzerare gli investimenti pubblici, e magari anche i servizi pubblici.

Confondere l’economia “contabile” con quella reale porta decisamente sfortuna. Gli effetti li stiamo vedendo. Adam Smith sosteneva che più si lavora e più si crea ricchezza.

Impedire alle persone di lavorare perché ciò genera risparmio, considerando la moneta come un idolo da venerare anziché come mezzo per produrre lavoro, è una teoria sostenuta finora solo dalla Troika, e con evidenze non proprio esaltanti.

Gli Inglesi più anziani -che potevano confrontare la qualità di vita del passato, quando le regole erano altre, con quella attuale- hanno evidentemente avuto la percezione di un peggioramento e si sono espressi in massa per l’abbandono di regole europee ritenute deleterie non solo per sè, ma anche e soprattutto per le giovani generazioni. Penso infatti che nel prendere la decisione per il sì o per il no abbia giocato molto più l’altruismo e l’amore paterno che l’egoismo, nonché la consapevolezza che qualche svantaggio immediato possa essere largamente compensato da maggiori vantaggi futuri, ovvero che la medicina amara, trangugiata di mala voglia, è a volte necessaria per guarire.

Omar Valentini

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -