Tagli scellerati. Allarme Corte dei Conti: a rischio le politiche pubbliche vitali

 

Roma – Il percorso di risanamento dei conti pubblici mette a rischio la salvaguardia di “politiche pubbliche vitali”.

tagli

E’ quanto ha sottolineato il presidente della Corte dei Conti, Raffaele Squitieri, nella relazione sul rendiconto generale dello Stato 2015. “L’urgenza, talvolta affannosa, di realizzare un rigido percorso di rientro verso l’equilibrio di finanza pubblica – ha affermato Squitieri – ha reso piu’ difficile il bilanciamento con le esigenze, anch’esse pressanti, di salvaguardia di politiche pubbliche vitali”. In particolare, il presidente della magistratura contabile ha citato il “continuo assottigliarsi in questi anni della quota di risorse pubbliche destinate alle infrastrutture e in generale, alle opere pubbliche che, in questo caso, vede l’Italia in coda nella graduatoria europea. Una tendenza, questa – ha osservato – comune tanto all’amministrazione centrale quanto agli enti locali ai quali è affidata, in larga misura, la competenza sulle opere”.

“La fine dell’”emergenza finanziaria” – prosegue Squitieri – e l’avvio del percorso di ripresa hanno consentito di evitare tagli che avrebbero prodotto effetti “insostenibili. L’uscita dalla stretta emergenza finanziaria e l’auspicio di una ripresa economica più solida hanno consentito, di recente – ha osservato ancora Squitieri – di predisporre correttivi a manovre di taglio che, alla lunga, stavano dimostrando ‘effetti collaterali’ insostenibili”.

“Lo sforzo di contenimento degli ultimi anni appare assai severo” e si è tradotto, a partire dal 2010, in una diminuzione in valore assoluto dei redditi dei dipendenti pubblici che ha raggiunto i 10 miliardi nel 2015. A partire dal 2010, per i redditi da lavoro dipendente delle amministrazioni pubbliche – ha spiegato Squitieri – si tratta di una diminuzione di valore assoluto che nel 2015 assomma oltre 10 miliardi e che colloca l’Italia tra i Paesi europei con la piu’ bassa incidenza tra costo del lavoro pubblico e prodotto interno lordo”.

Le spinte all’instabilità dell’Unione Europea non arrivano solo dalla Gran Bretagna. E’ l’allarme lanciato da Angelo Buscema, presidente di coordinamento delle sezioni riunite in sede di controllo della Corte dei Conti, in occasione del giudizio sul rendiconto generale dello Stato. “Una condizione latente di instabilità finanziaria, connessa alle in certezze che originano dai diffusi timori sullo stato del sistema bancario in Europa – ha affermato Buscema – e, da ultimo, dalle preoccupazioni per le spinte che, non solo nella Gran Bretagna, rendono sempre meno stabile il quadro di riferimento dell’Unione Europea”.

In Italia “il recupero della crescita del prodotto interno lordo, dopo la lunga crisi, appare ancora troppo modesto e, soprattutto, in ritardo rispetto alla ripresa in atto negli altri principali Paesi europei”. E’ quanto ha sottolineato Angelo Buscema, presidente di Coordinamento delle sezioni riunite in sede di controllo della Corte dei Conti. (AGI)

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -