Cara di Mineo, gonfiati i numeri dei migranti: truffa da 1 milione di euro

 

Catania – Sei persone sono indagate dalla procura di Caltagirone per i reati di falsita’ ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici e per truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche ai danni dello Stato e dell’Unione Europea. Sono accusate di avere gonfiato la presenza di migranti al Cara di Mineo, per far lievitare i compensi alle ditte che svolgono i servizi all’interno del centro. Tutto questo e’ avvenuto, secondo la Procura di Caltagirone, per quattro anni, dal 2012 al 2016, per l‘ammontare di un milione di euro. L’inchiesta e’ una costola di “Mafia Capitale”.

Cara di Mineo - villette con parabole

Cara di Mineo – villette con parabole

Dall’analisi della contabilita’, relativa alle presenze giornaliere dei migranti ospiti del Cara sarebbero saltate fuori la la corresponsione di importi superiori a quelli dovuti. Agenti della Squadra mobile di Catania e del commissariato di Caltagirone, guidati dal questore Marcello Cardona, hanno dato esecuzione a un decreto di perquisizione e di sequestro. La gara per la gestione triennale del Cara di Mineo, indetta il 24 aprile del 2014 per un importo di 97 milioni di euro, fu ritenuta illegittima dall’Autorita’ nazionale anticorruzione guidata da Raffaele Cantone il 15 febbraio del 2015. Eseguite perquisizioni presso societa’ che hanno sede in tutto il territorio nazionale.

PROTESTA DEI “MIGRANTI”

Tra i sei indagati nella nuova inchiesta della procura di Caltagirone ci sono dirigenti e funzionari della struttura di accoglienza dei richiedenti asilo, nonche’ i vertici delle cooperative coinvolte. Si tratta di Sebastiano Maccarrone, direttore del Cara; Salvo Cali’, presidente del consiglio di amministrazione della Sisifo, consorzio di cooperative capofila dell’Ati fino a ottobre 2014; Giovanni Ferrera, direttore generale consorzio Calatino Terra d’accoglienza; Roberto Roccuzzo, consigliere delegato Sisifo; Cosimo Zurlo, amministratore della ‘Casa della solidarieta’, consorzio coop dell’Ati fino da ottobre 2014 ad oggi, e Andromaca Varasano, contabile del nuovo Cara Mineo. Agenti della Squadra mobile di Catania e del commissariato di Caltagirone hanno compiuto perquisizioni a Catania e nei Comuni di Giarre e Riposto e Mineo, a Palermo, Roma, Ragusa e Matera.

Palestra e ludoteca per immigrati

Palestra e ludoteca per immigrati

Polizia e magistrati hanno valutato le discrepanze tra le dichiarazioni fornite sui numeri delle presenze dei migranti e il riscontro elettronico legato all’uso da parte degli ospiti dei badge che certificano anche l’effettiva presenza. Le dichiarazioni infedeli in quattro anni, dal 2012 al 2015, avrebbero fruttato agli indagati almeno un milione di euro. I badge vengono consegnati ai migranti al loro ingresso nel Cara ed e’ necessario per accedervi e uscirne, nonche’ per usufruire dei servizi, per i quali la prefettura paga, per ogni ospite, 35 euro. Gli indagati sono accusati di avere gonfiato il numero dei migranti, anche mediante la certificazione della loro presenza laddove invece si erano allontanati da tempo. Il fatto e’ che le assenze, attrverso i badge, sono registrate in via informatica nel sistema del Cara e l’incoerenza dei dati forniti spesso in forma cartacea alla prefettura, e’ apparsa evidente incrociando la documentazione. (AGI)



   

 

 

2 Commenti per “Cara di Mineo, gonfiati i numeri dei migranti: truffa da 1 milione di euro”

  1. Non bastavano i nostrali . occorreva una mano da estracomunitari per giusificare “appannaggi ignoti” – Mangia te che Mangio io.!!! Povera Banda Bassotti … che figuraccia.!!!

  2. Azz. mi piacerebbe sapere chi sono i personaggi di questa mega truffa! non è per caso che ci possa essere qualche politico?

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -