Decine di migliaia di giapponesi protestano contro le basi USA

 

Migliaia di manifestanti, 50mila secondo gli organizzatori, hanno protestato sull’isola nipponica di Okinawa contro la base militare Usa, la pesante presenza americana (50mila cittadini di cui 30mila militari) e i crimini commessi del personale statunitense in diverse occasioni. La protesta è esplosa dopo che un ex ufficiale della marina Usa, impiegato come dipendente civile presso la base, è stato accusato di aver violentato e ucciso una giovane donna ad aprile, Rina Shimabukuro. Il caso ha riaperto la polemica mai sopita della base Usa, uno degli elementi chiave dell’alleanza per la sicurezza Usa-Giappone, nell’isola

Decine di migliaia di giapponesi hanno protestato contro la presenza delle basi militari americane sull’isola di Okinawa, molti di loro indossando il nero. I dimostranti hanno chiesto una revisione dell’accordo di Sicurezza tra i due Paesi che grava su Okinawa la quale ospita la maggior parte delle truppe americane in Giappone.

L’uccisione della donna locale, che era scomparsa per diverse settimane e il cui corpo è stato ritrovato lo scorso mese, ha provocato indignazione ad Okinawa dove le tensioni vengono segnalate sistematicamente a causa di crimini legati agli americani. L’ex marine è stato arrestato il 19 maggio scorso con il sospetto di aver abbandonato il corpo della donna, ma non incriminato per il delitto. L’episodio ha riportato alla mente un caso simile, avvenuto nel 1995, dove una giovane venne stuprata da tre militari Usa. (ANSA)

IMOLAOGGI
e' un sito di informazione libera
che non riceve finanziamenti
LA NOSTRA INDIPENDENZA SEI TU

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

Oppre fai una donazione con PayPal


   

 

 

2 Commenti per “Decine di migliaia di giapponesi protestano contro le basi USA”

  1. PURTROPPO ANCHE NOI LE ABBIAMO ; CI SIAMO ARRESI “SENZA CONDIZIONI” = CON LA SPERNZA IN UN FUTURO MOLTO MIGLIORE.!
    PURTROPPO IL MALE RIAFFIORA ;CON L’ISIS, PEGGIO DI HITLER.!

  2. Fanno bene, dovremmo protestare e cacciarli anche noi previa uscita dalla Nato.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -