USA: 51 funzionari chiedono di bombardare l’esercito di Assad

 

17 giu.- Decine di diplomatici e funzionari del dipartimento di Stato americano hanno firmato un documento interno per protestare contro la politica Usa in Siria e hanno chiesto che vengano lanciati raid militari contro obiettivi legati al governo del presidente siriano Bashar al-Assad, perché l’attuale approccio va a svantaggio dell’opposizione siriana e contribuisce a mantenere in piedi il regime di Damasco.

E’ quanto si legge sulla Bbc.Il documento è stato firmato da 51 funzionari di medio e alto livello che si occupano della questione siriana nel Dipartimento Usa. Non è raro che vengano redatti “cablogrammi dissidenti” per uso interno. E’ raro, però, che ci sia un numero così alto di diplomatici che si oppongono alla posizione della Casa Bianca.

Una fonte vicina al dossier ha dichiarato a Bbc che la nota è stata inviata “perché lo status quo non è sostenibile”. Nel documento si chiede un’azione militare credibile contro Assad altrimenti Damasco non avrà nessuna pressione per negoziare con i ribelli. Il testo riflette i timori che il collasso del processo di pace congiunto Usa-Russia vada a vantaggio del regime. askanews



   

 

 

1 Commento per “USA: 51 funzionari chiedono di bombardare l’esercito di Assad”

  1. Si auspica una visita “pichiatrica” per questi impiegati del Dipartimento di Stato Americano.

    Credo che dovrebbero essere rimossi dai loro incarichi per instabilità psichica, incompatibile con l’ufficio che sono tenuti ad assolvere.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -