Cina: denuncia per libri che descrivono l’omosessualità come “disordine psicologico”

 

16 giu. – Un tribunale di Pechino ha accettato di trattare una denuncia nei confronti del Ministero dell’Educazione cinese per i libri di testo scolastici che descrivono l’omosessualità come un “disordine psicologico”. Lo riferisce la Bbc.Una 21enne del Guangdong, conosciuta con lo pseudonimo di Qiu Bai, da tempo fa campagna per questo cambiamento.

Dal 1997 in Cina l’omosessualità non è più reato, tuttavia Qiu Bai ha cominciato dal 2014 la sua campagna per ripulire i libri di testo dalle definizioni omofobe. “I libri di testo almeno dovrebbero descrivere l’omosessualità con obiettività”, ha detto secondo la Bbc. “Io non voglio che la discriminazione – ha continuato – permei la scuola in cui vivo e i materiali che uso ogni giorno”.

Nel 2015 ha denunciato il ministero, ma è stata poi persuasa a lasciar perdere il caso. Ad aprile di quest’anno ha presentato una seconda denuncia. (askanews)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -