Strage Orlando, New York Times: “Alcune delle vittime colpite dalla polizia”

 

Nasce il sospetto negli Stati Uniti che alcune delle vittime della sparatoria nel night club di Orlando siano state uccise da “fuoco amico”.

strage-usa-orlando-

A lanciare l’ipotesi è il New York Times che spiega: “Non è ancora chiaro quante delle 49 vittime nella discoteca siano state uccise da Mateen e quante potrebbero essere state uccise dalla polizia che ha fatto irruzione nel locale dopo una situazione di stallo di tre ore”.

Intanto si fa strada sempre di più l’ipotesi che Omar Mateen, il killer della strage di Orlando in cui sono morte 49 persone (più lo stesso Madeen), fosse un ‘lupo solitario’, influenzato sicuramente dagli estremisti, magari tramite internet e decisamente radicalizzato. Ma nella notte tra sabato e domenica Mateen ha agito da solo, aprendo il fuoco nel night club per gay Pulse, senza seguire un piano terroristico organizzato. […]

Il blitz della polizia

“Durante la conversazione sembrava tranquillo e freddo”, ha raccontato in mattinata il capo della polizia John Mina, fornendo nuovi dettagli sulla sparatoria. “Mentre parlava con i nostri negoziatori a un certo punto ha fatto riferimento a degli esplosivi e per paura di una perdita maggiore di vite umane abbiamo deciso di iniziare l’operazione di salvataggio”, ha spiegato Mina.

Undici agenti hanno quindi fatto irruzione nel locale, dove Madeen si era barricato in bagno con alcuni ostaggi. Mentre lui era nascosto, le forze di polizia sono riuscite a far fuggire le 15-20 persone rinchiuse in un altro bagno. L’Fbi ha fatto sapere di aver seguito i tabulati telefonici e che al momento non si hanno ndicazioni di un complotto organizzato dall’estero. Ma ha ribadito di stare indagando anche su altre persone. IL GIORNALE



   

 

 

1 Commento per “Strage Orlando, New York Times: “Alcune delle vittime colpite dalla polizia””

  1. Comunque questo ulteriore attentato all’Umanità, oggi su latitudine Americana, suona sempre sinistro, e quel brand ISIS è un marchio che CIA ben conosciamo….

    Dice, ma come può essere!
    Non è una fissa, e se ossessione c’è, quella è certamente Americana!

    Adesso, ma guarda un po’, gli Americani si sentiranno in DIRITTO di organizzare una bella sortita militare USA-NATO in Siria, e poi magari anche in Libia, per combattere la sua creatura: l’ISIS-DAESH. Un gesto innaturale, quello del genitore che uccide il figlio, pur sacrificale.

    Certo, perché ora gli Ammerrecani il pretesto per intervenire ce l’hanno, e così potranno andare a Vienna a discutere con i Russi sulla esautorazione di Assad. Parlavamo di ossessioni?………….Certamente i Russi non sono ammessi nella squadraccia punitiva. Eppoi i nemici, compari di Assad non son o ammessi nelle fila dei crociati occidentali.

    Naturalmente gli Ammerrecani andranno a caccia di islamici nelle zone di confine siriane con la Turchia, dove risiedono i loro amici Curdi…..Un bel lavoretto su cui gli yankee lavorano da anni, per poter creare le loro basi curdo-alleate in quella fascia di Siria, diciamo una specie di nofly-zone. Tanto gli amici curdi lo permetteranno, dati che hanno nemici in comune. I DAESH? Ma no, Assad e Putin!

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -