Migranti, arrestato scafista: era stato già espulso nel 2014

 

SIRACUSA – Era già stato respinto in Tunisia nel 2014 dal questore di Palermo il tunisino individuato dagli uomini del Gicic, il Gruppo interforze di contrasto all’ immigrazione clandestina, presso la Procura di Siracusa come presunto scafista dello sbarco ad Augusta di venerdì scorso. In totale 732 migranti dei quali 255 da un barcone ed il resto da 4 gommoni, trasferiti al porto commerciale da nave Aviere della Marina militare italiana.

L’uomo si era dichiarato siriano ma dal riscontro delle impronte al sistema Afis è risultato gia’ fotosegnalato e Palermo per ingresso illegale, quindi respinto in Tunisia nel 2014. E’ stato trasferito nel carcere di contrada Cavadonna a Siracusa per favoreggiamento all’immigrazione clandestina. Infine è stata segnalata la presenza di un peschereccio con circa 300 migranti e bordo, a circa 150 miglia a est dalle coste siciliane. ansa



   

 

 

1 Commento per “Migranti, arrestato scafista: era stato già espulso nel 2014”

  1. ESPULSO.??? – HA TREMATO DI PAURA.!!!-
    Per essere espulso ; trattenuto nelle Patrie galere mangiare bere dormire a carico dei C……i (Italici) SI è RIPOSATO.!!!…Con foglio di via; E’ una medaglia di merito nel loro “ambiente”.!!!-)
    L’Italia E’ finita in mano a dei “,minestrari.! (Termine della Ciociaria per capire il contenuto)

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -