“Qui niente va bene. In Siria stavamo meglio”, migranti vogliono tornare a casa

 

profuga

L’unica cosa che vogliono adesso è tornare a casa. Dopo aver usato tutte le loro risorse per riuscire ad arrivare in Europa, moltissimi  migranti, ora vogliono solo ritornare in Siria dopo mesi passati nel campo di Idomeni, al confine tra Grecia e Macedonia.

Non ci aspettavamo che saremmo stati trattati così in Europa”, spiega Atia, che a Damasco faceva il barbiere. “Pensavamo che sarebbero stati umani, che si sarebbero presi cura di noi, che avrebbero protetto i nostri bambini. Pensavamo che ci avrebbero aiutati ma è successo il contrario. L’europa non ha sentimenti per noi”.

Il problema è come. Come si torna ora in Siria? La famiglia di Atia ci prova col treno. A ritroso. Da Idomeni, dove sono stati per mesi, vanno verso Thessaloniki. Da lì tenteranno di imbarcarsi per la Siria.

Diversa è la storia per un’altra famiglia di siriani, quella di Dania, che è riuscita ad arrivare fino a Berlino. Ma il finale è lo stesso: anche per loro il desiderio di tornare a casa si fa sempre più pressante.

Umiliazioni e mancanze di rispetto. La nostra vita non è stabile. C‘è una fortissima pressione psicologica, tutto è proibito”, spiega Dania. “Non c‘è niente che vada bene. In Siria stavamo meglio”.

Chi resta prova a far sentire la propria voce. E chiede ciò di cui ha bisogno: una casa per costruirsi una nuova vita. Moltissimi afghani e iracheni, invece, sono già riusciti a partire e a tornare a casa. euronews



   

 

 

5 Commenti per ““Qui niente va bene. In Siria stavamo meglio”, migranti vogliono tornare a casa”

  1. e mò chi je lo dice a renzi che in Siria se stà mejo??????????????????

  2. Tonino Roberto

    E dai, dategli una casa, un lavoro, l’assistenza medica e l’asilo gratuito per i bambini. Questa povera gente ha lasciato il proprio paese dove stava già bene ed è venuta in Europa solo per farci un favore e per stare meglio. Mi chiedo …se stavano bene al loro paese, chi li ha convinti che in Europa dovevano stare meglio? Mah!

  3. L’europa non ha sentimenti…STOP.Per noi che significa?Chi ci abita in Europa e’ trattato uguale….

  4. CARO RENZI -AMMESSO CHE LA BATTUTA SIA VERA (iN SIRIA STAVAMO MEGLIO) ALLORA MANGIARE BERE DORNIRE GRATIS (35EURO AL GIORNO PER OGNUNO DI LORO. SOFFRONO.???) NON CREDI CHE SIA LOGICO INVIARE, IN SIRIA, I NOSTRI PERDUTI AFFAMATI CANDIDATI ALLA “CASA DEL POPOLO” “CASA DEL POPOLO”??? CIMITERO , CAMPOSANTO.!!!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -