Ventimiglia, ramadan in parrocchia: migranti protestano per la cena

 

VENTIMIGLIA (IMPERIA), 8 GIU – Il Ramadan è troppo rumoroso, così il parroco ordina il coprifuoco e sancisce: “alle 23, tutti a letto”. Succede a Ventimiglia, nella parrocchia di sant’Antonio guidata da don Rito che da alcune settimane ospita tra i 400 e i 500 migranti al giorno, un centinaio dei quali, musulmani, da alcuni giorni segue il digiuno diurno previsto dal Ramadan.

Ieri sera però alcuni migranti si sono messi a discutere animatamente perché, calato il sole da un pezzo, volevano mangiare. “Non riesco a organizzare la quaresima – ha detto don Rito – figuriamoci se riesco a seguire le regole del Ramadan”. Patti chiari, dunque: “Abbiamo orari per colazione, pranzo e cena e alle 23 luci spente e tutti a dormire”. Intanto migliora la condizione igienica: da ieri è aperto un presidio medico con la Croce Rossa che visiterà i migranti per quattro ore al giorno. ANSA

Nella stessa parrocchia – -  In chiesa si registrano i “profughi”, fedeli invitati a pregare in silenzio o andarsene



   

 

 

2 Commenti per “Ventimiglia, ramadan in parrocchia: migranti protestano per la cena”

  1. E adesso se ne accorge che ha commesso un gravissimo errore?

  2. LA PARROCCHIA DI VENTIMIGLIA e’ DELLO STATO VATICANO O DEGLI ABITANTI DI VENTIMIGLIA.???
    (NON E’ UNA POLEMICA), IN TOSCANA .”SEMPRE DEFINITI COMUNISTI” SONO DEL POPOLO; E GUAI A CHI LE TOCCA O NE Fà UN USO DIVERSO, SENSA IL CONSENSO DEL POPOLO DI QUARTIERE.!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -